Udir: rinviata al 15 ottobre 2020 l’udienza pubblica sull’appello avverso le sentenze del Tar Lazio

Stampa

Udir – Di annullamento di tutta la procedura concorsuale, dopo le misure cautelari sospensive ottenute dall’avv. Galleano di Udir la scorsa estate in Consiglio di Stato.

Ancora possibile per tutti i dd.ss. assunti il 1° settembre 2019 costituirsi, entro il 31 luglio, ad adiuvandum, aderendo gratuitamente al ricorso al seguente link per difendere i ruoli ottenuti a seguito del superamento del concorso

RICORSO CONTRO L’ANNULLAMENTO DELLA PROCEDURA CONCORSUALE

L’udienza, inizialmente prevista per il 12 marzo 2020, è stata rinviata al 15 ottobre 2020, causa COVID-19; pertanto, è ancora possibile aderire al ricorso per ottenere l’annullamento delle sentenze del Tar del Lazio che pendono sull’ultimo concorso, a fronte di migliaia di ricorrenti che si sono costituiti per chiedere l’annullamento della procedura concorsuale. È ancora possibile aderire all’appello in Consiglio di Stato “ad adiuvandum” per la riforma delle sentenze che invalidano l’intera procedura, incluse le graduatorie di merito pubblicate e le assunzione avvenute il 1° settembre scorso grazie all’ordinanza cautelare di sospensiva, ottenuta dall’avv. Galleano di Udir. È importante che tutti gli interessati si costituiscano in giudizio per dedurre le proprie ragioni. Si può aderire al ricorso gratuito, entro il 31 luglio prossimo, per consentire il deposito del mandato e le nuove osservazioni difensive al seguente link.

I dettagli per aderire

Possono partecipare al ricorso tutti i candidati al concorso DS che hanno superato le prove scritte e orali che hanno preso servizio il 1° settembre 2019 o che entreranno di ruolo, in qualità di vincitori o di idonei, grazie anche all’emendamento apposto alla legge del 27 dicembre 2019, n. 160, richiesto dal nostro sindacato.

Il ricorso gratuito è riservato agli iscritti Udir. Per aderire, clicca qui.

Il giovane sindacato invita tutti i vincitori dell’ultimo concorso ad aderire al ricorso e ad affidarsi allo studio legale Galleano che ha già salvato, seppur in sede cautelare, le posizioni di 2.900 dirigenti scolastici che erano saltate a seguito della sentenza di accoglimento di un primo ricorso e ha consentito la disposizione delle immissioni in ruolo il 1° settembre scorso.

Stampa