UDIR, entro 22 giugno DS dovranno presentare all’USR d’appartenenza domanda di mobilità e nulla osta al trasferimento

Comunicato – Udir ha avviato due ricorsi: uno al TAR Lazio, al fine di permettere il riconoscimento dei trasferimenti sul 100% dei posti o non su massimo il 30% contrattualmente previsto, l’altro, al Giudice del Lavoro, a seguito delle numerose pronunce accolte in tutta Italia, volto al riconoscimento dell’esonero dal vincolo della permanenza nella sede attuale di servizio previsto dall’art. 15 comma 5 del DDG 1259/2017 per chi presenta domanda e allega condizione di disabilità personale o del congiunto da assistere.

Aderisci entro il 22 giugno 2020

L’ufficio legale Udir ha avviato due ricorsi: uno al TAR Lazio, al fine di permettere il riconoscimento dei trasferimenti sul 100% dei posti o non su massimo il 30% contrattualmente previsto; il secondo, al Giudice del Lavoroa seguito delle numerose pronunce accolte in tutta Italia, volto al riconoscimento dell’esonero dal vincolo della permanenza nella sede attuale di servizio previsto dall’art. 15 comma 5 del DDG 1259/2017 per chi presenta domanda e allega condizione di disabilità personale o del congiunto da assistere. Aderisci entro il 22 giugno 2020.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ricorda che tale percentuale, ridotta al 30% in virtù del contratto firmato, che nega alla maggior parte dei dirigenti scolastici di vedere accolta la propria domanda di trasferimento in altra ragione, è illegittima così come confermato da diverse pronunce del CDS, parimenti a seguito del consolidamento della giurisprudenza sulla materia sulla preminenza del riconoscimento dei diritti tutelati dalla legge 104/1992, peraltro richiamata nella nota del capo dipartimento del ministero dell’istruzione prot. n. 0014232 del 5 giugno 2020.

Entrambi i ricorsi sono gratuiti per tutti gli associati Udir e sarà promosso, altresì, anche avverso l’eventuale diniego alla richiesta di nulla osta non sorretta da fonti legislative.

Per ricorrere è importante produrre la domanda di mobilità entro i termini previsti dal Decreto del Capo Dipartimento prot.n.14232 del 5 giugno 2020 prevista per il 22/06/2020

Per aderire al ricorso al Tar del Lazio entro il 22 giugno 2020clicca qui.

Per aderire al ricorso al competente Giudice del Lavoro entro il 22 giugno 2020 clicca qui.