Tutti i SI’ alla riforma. Faraone: cambiamento epocale

di redazione
ipsef

Non solo NO, ci sono tanti SI' alla riforma della scuola appena approvata alla Camera. Ricordiamo che il testo deve ancora affrontare l'esame del Senato.

Non solo NO, ci sono tanti SI' alla riforma della scuola appena approvata alla Camera. Ricordiamo che il testo deve ancora affrontare l'esame del Senato.

Sottosegretario. Faraone: "non è una riforma. È un cambiamento radicale della nostra identità collettiva. Non esiste in Italia istituzione che appartenga di più agli italiani della scuola. "Autonomia, responsabilità, trasparenza, valutazione e merito: sono questi – continua Faraone – i pilastri della scuola che governo e Parlamento hanno voluto per far ripartire il nostro Paese."

Sottosegretario Toccafondi: ""Valutazione, qualità, inizio del riconoscimento della parità scolastica, dialogo tra scuola e lavoro, riconoscimento del ruolo dei Dirigenti Scolastici. Iniziano a crollare tabù ideologici. Contenti di aver contribuito all'inizio di una rivoluzione culturale".

Primo Ministro Matteo Renzi: "Grazie a deputate e deputati che hanno trasformato idee e riunioni sulla scuola al Nazareno in una buona legge. Orgogliosi della vostra tenacia. Viva il Pd". E' l'sms con cui Matteo Renzi ringrazia i deputati Pd che hanno votato la riforma della scuola alla Camera.

Ministro Franceschini: "Nel Ddl c'è il ritorno nelle scuole dell'insegnamento della storia dell'arte, della musica, collegamenti con il cinema e la possibilità di fare lezioni nei musei. Più un emendamento secondo il quale tutte le scuole che operano nel settore dei beni culturali, seguendo un percorso particolare, potranno avere un'equipollenza del titolo. E' un'altra prova dell'investimento nel sistema cultura del Paese".

Maria Spilabotte, Senatrice PD: "L'approvazione del ddl sulla Buona scuola da parte della Camera è un'ottima notizia: è una riforma storica che cambia l'approccio all'istruzione, non da ultimo perché prevede finalmente l'educazione alla parità di genere, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni. Nessuna ambiguità nella norma, ma un passo avanti decisivo perché finalmente dal 1910 si introdurrà nelle scuole l'educazione all'affettività e al rispetto delle differenze che, come prevede il mio disegno di legge sulla regolamentazione della prostituzione, è fondamentale per prevenire la violenza e anche per promuovere una sessualità non incentrata sull'acquisto di prestazioni e sull'utilizzo del corpo di un altro essere umano".

Renate Gebhard "I deputati delle minoranze linguistiche hanno espresso il proprio consenso a favore della riforma della scuola, con il voto finale perché ne condividono gli obiettivi fondamentali e il modello di formazione che propone".

Simona Malpezzi, deputata PD: "160mila assunti, 3 miliardi di euro di finanziamenti, 200 milioni per la valorizzazione dei docenti e 5 miliardi per edilizia scolastica. Questa è 'La buona scuola' che abbiamo approvato in aula e non quella che è stata descritta fuori. La nostra riforma fa diventare realtà l'autonomia scolastica che è rimasta sulla carta dalla riforma Berlinguer. E autonomia significa che le scuole sono libere di essere quello che vogliono essere in rapporto con il proprio territorio".

Sottosegretario per la Pa, Angelo Rughetti: "M5S SEL, sindacati difendono scuola che non funziona. @pdnetwork assume precari mette 1 mld/anno e 4 mld su edilizia e loro fanno sciopero".

Riforma. Camera approva: via 100mila assunzioni con modifiche, tutto sui poteri dei dirigenti, supplenze, formazione, concorso, autonomia

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione