Tutti a scuola a settembre? Brusaferro, Iss: “è presto per dirlo, vediamo come evolve situazione”

Stampa
busaferro

“Nella fase 2 bisogna agire secondo il criterio del ‘try and learn’: si fanno dei passetti avanti, si misurano gli effetti, si dà il via libera alle mosse successive. Se si decidono troppe riaperture insieme e tornano ad esserci molti casi non si capisce dove si è sbagliato e bisogna richiudere tutto.”

A dirlo il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro in un’intervista a Repubblica

“Meglio procedere un pezzo alla volta, come un puzzle”, ha detto. “Se i contagi risalgono, siamo pronti a nuovi stop”. In merito al rischio di una nuova ondata a settembre, “in termini teorici potremmo averla anche tra un mese, se prendiamo sotto gamba le misure” avverte Brusaferro.

“In autunno inizierà una nuova stagione influenzale e circoleranno altri virus con sintomatologia simile. Il brutto tempo farà stare le persone in luoghi confinati, aumentando i rischi. Andrà intanto fatta una campagna di vaccinazione molto efficace contro influenza ed altre patologie, per evitare che questa malattia si confonda con quella da coronavirus”, spiega. Guardando alla scuola, le aule in quest’anno scolastico non riapriranno, perché, considerando anche gli spostamenti per raggiungerle, “rappresentano un rischio significativo rispetto alla circolazione del virus”, dice Brusaferro. Sui centri estivi, “ad oggi non ci sono le condizioni per pensare di riaprirli quest’estate. Poi vediamo come evolvono i dati”.

Quanto alla riapertura delle scuole a settembre, “anche per questo dobbiamo vedere come evolve la circolazione del virus. Adesso è presto per dire quale sarà la situazione a settembre”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata