In tutta Europa la notte dei musei

WhatsApp
Telegram

Torna anche quest’anno la Notte europea dei Musei per aiutarci ad apprezzare l’importanza, la ricchezza e bellezza del nostro patrimonio storico e artistico, con tre ore di apertura serale straordinaria, al costo simbolico di 1 euro.

L’evento, uno degli appuntamenti culturali più importanti a livello europeo si svolge, sabato 20 maggio, mentre domenica 21 maggio il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo celebra la seconda edizione della Festa dei Musei sul tema ”Musei in Contes[x]t: raccontare l’indicibile nei musei”. In occasione delle due iniziative i principali luoghi della cultura pubblici e privati organizzano visite guidate, aperture straordinarie ed eventi per diversi target di visitatori.

A Roma iniziative per tutte le età in tutti i musei civici, statali e altri spazi espositivi e culturali della città che rimangono aperti in via straordinaria dalle ore 20 fino alle 2 di notte (ultimo ingresso ore 01.00) eccetto il Vittoriano fino alle 24 e solo con la riduzione del biglietto. Aperti al pubblico, in via straordinaria e con ingresso gratuito, anche la Camera dei Deputati (dalle 20 alle 2 con ultimo ingresso all’una e mezza) e il Senato della Repubblica (dalle 20 alle 24).

A Milano, tra gli altri, si potranno visitare le Gallerie d’Italia eccezionalmente aperte fino a mezzanotte e la Pinacoteca di Brera, a Torino il Planetario e il Museo dell’Astronomia e dello Spazio. In Abruzzo, sarà invece disponibile la visita al Castello Piccolomini e al Museo d’arte sacra della Marsica. Tanti gli eventi anche in Campania, apertura fino alle 24.00 al Castel Sant’Elmo, al Museo del Novecento a Napoli, al San Carlo e alla Certosa di San Giacomo a Capri. In Emilia Romagna da segnalare gli eventi della Pinacoteca nazionale di Bologna, mentre al Museo archeologico nazionale di Ferrara si svolgerà il Festival MiXXer. Musiche del Secolo XX.

La Notte dei Musei coinvolge oltre 3000 istituzioni, vede l’adesione di 30 Nazioni europee e l’Italia non poteva mancare l’appuntamento con il suo vastissimo patrimonio culturale sparso su tutta la penisola. Coloro che non vogliono perdersi l’importante opportunità, devono semplicemente recarsi in uno dei musei, gallerie o istituti d’arte che trovate nell’elenco del Mibact. Non è necessario nessun tipo di prenotazione. Info: www.beniculturali.it

WhatsApp
Telegram

Eurosofia nel mese di dicembre trasmetterà tre nuovi incontri formativi gratuiti dedicati agli attori della scuola