Turnover nella P.A. legato ai bilanci: ingressi superiori a pensionamenti

WhatsApp
Telegram

Nella pubblica amministrazione ci sarà posto nei prossimi tre anni per 500 mila nuove assunzioni.

E’ quanto si legge su Repubblica.it che ha riportato le previsioni della ministra Fabiana Dadone.

Lo sblocco è dovuto alla scadenza dei termini dei paletti fissati dall’ultima finanziaria che avevano impedito il turnover al 100% nella pubblica amministrazione e negli enti non economici.

Ai 500 nuovi posti di lavoro si arriva calcolando anche le nuove entrate extra finanziate con le manovre degli anni precedenti. Il ricambio del personale (ogni uscita sarà compensata da nuovi ingressi) avverrà sulla base della spesa. Detto in altri termini, il costo per il lavoratore che lascia il suo posto potrà essere impiegato per nuove risorse umane. Questo potrebbe portare in alcuni casi anche ad avere un maggior numero di assunti rispetto a quello di chi lascia il lavoro.

Il suddetto criterio è applicabile soprattutto nelle Regioni previsto da un decreto apposito. Infatti proprio nei territori è data la possibilità di ancorare il criterio delle assunzioni ai parametri di bilancio e non più a quello del numero dei lavoratori, come previsto nel decreto crescita reso operativo dal provvedimento attuativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO