Turi (UIL): volevano tagliare organici, necessari di più docenti ed ata e presidio sanitario nelle scuole

di redazione

item-thumbnail

FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal e GILDA Unams sono in videoconferenza on line. Intervengono i segretari generali delle cinque organizzazioni.

“Il Ministro ancora un ha un piano, c’è solo l’esclusione del confronto con i sindacati. In tutti i settori sono stati fatti accordi per la sicurezza e non si è sentito il bisogno di farlo per la scuola. Questo approccio burocratico non porta da nessuna parte. La ministra va avanti come se non ci fosse la pandemia che c’è stata. Non c’è visione”.

Lo ha detto Pino Turi, leader della Uil Scuola in una conferenza stampa dei sindacati in corso. “Servono più docenti più Ata, più aule. Servirà un medico nei presidi scolastici: serve un piano ma ad oggi non c’è alcuna idea, siamo nella confusione totale. Oggi con il ministero c’è un confronto pari a zero, un rifiuto a confrontarsi; significa che non ci sono idee, si ha paura del confronto. Si è approfittato della debolezza del sindacato che non si può mobilitare per dire tutto e il contrario di tutto: non siamo più disponibili di stare alla finestra a guardare. Inizieremo una campagna di assemblee per dare voce ai lavoratori”, ha concluso.

Videoconferenza sindacati, Coronavirus: volevano tagliare, abbiamo bisogno di più docenti ed ata. Necessario presidio sanitario nelle scuole

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione