Turi (Uil Scuola): “Sui banchi singoli c’è tanta propaganda, il nodo politico principale è l’investimento sul personale”

Stampa

“Premesso che alla politica dei banchi bisognerebbe contrapporre la politica delle persone, tutta la questione sta assumendo sempre di più la dimensione mediatica e di  propaganda che consegna come soluzione salvifica, quella dei banchi  monoposto o di nuova concezione”. Così all’Adnkronos Pino Turi,segretario generale Uil Scuola che aggiunge: “Si nasconde sulla polemica banchi il nodo politico principale: non investire strutturalmente sul sistema di istruzione, con la speranza che ‘passi la nottata’”.

“A ben vedere, i banchi più piccoli servono per mantenere all’interno della classe il numero di alunni più consistente che, invece, andrebbe ridotto. Per quanto riguarda invece le priorità nell’assegnare le risorse ( banchi e personale) invece di partire dai bisogni, si agisce con una sorta di distribuzione a pioggia, per non scontentare nessuno, così almeno, è stato deciso per la distribuzione dei 977 milioni che  servono per reclutare il personale”.

“E’ evidente – conclude il segretario – che bisognerebbe partire dai bisogni veri e non presunti, ciò vale per il reclutamento ed anche per i banchi. Le scuole e i territori non sono tutti uguali. Evidentemente una mappa precisa dei bisogni manca e sarà utilizzato il solito  metodo, quello dell’influenza politica, saremmo contenti di essere smentiti, ma se c’è un piano lo vorremmo conoscere”.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche