Turi (Uil Scuola): “Incapacità politica evidente del ministro Bianchi. La scuola si ribella. Organico Covid? Non è la soluzione ai problemi” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Sciopero generale della scuola previsto per venerdì 10 dicembre. La decisione, annunciata da Flc Cgil, Uil Scuola, Snals e Gilda, durante una conferenza stampa.

Attacca il segretario della Uil Scuola, Pino Turi: ” Dire che su 33,4 mld della manovra finanziaria, per la scuola ci sono solo 210 milioni, che significa lo 0,62%, è un fatto, non è una considerazione. Abbiamo fatto tavoli e tavoli, ma dobbiamo rilevare che c’è un’incapacità politica del Ministro Bianchi, non come persona ma come Ministro. Perché
probabilmente il governo lo ha abbandonato”. 

“Dover dire che c’è una manovra espansiva e c’è il Presidente del Consiglio che tutti i giorni dice che bisogna dare i soldi e non levarli e alla scuola li leva – ha aggiunto – significa veramente partire da una considerazione, un fatto che era già grave, e che è diventato un atto con la presentazione della legge finanziaria. Ho il dubbio ci sia un disegno diverso. Nel Pnrr si prevede una riforma degli Its e si da un miliardo e mezzo, non è altro che un regalo alla Confindustria. Sapendo che Confindustria ha un compito che non può essere quello dello stato e della formazione per tutti i cittadini”.

“La scuola – ha proseguito il leader della Uil Scuola – non è un servizio, è una funzione dello Stato per cui mi rivolgo a
cittadini non vorrei che si concretizzasse l’anatema di Piero Calamandrei che diceva ‘se vuoi privatizzare la scuola devi mandarla al macero, la devi abbandonare’ e mi pare che sono 20 anni in cui non soltanto si è abbandonata a se se stessa ma sono stati 20 anni di attacchi, di tagli. La classe politica di questo paese deve avere il coraggio di dire alle persone cosa vuol fare della scuola, perché in queste condizioni la scuola non è per chi ci lavora, per le famiglie e per i figli che si vedranno una scuola che è dedita alla formazione professionale, a trovare un lavoro magari sotto pagato e ci sarà qualcuno che avrà altre opportunità. La scuola costituzionale di questo paese”.

“C’è un problema di democrazie – ha aggiunto Turi – e il sindacato unito oggi vuole protestare e reagire . La scuola si ribella. Perché la scuola non è di questo o quel Governo. La scuola è dei cittadini e della Repubblica. Con questo sciopero vogliamo mettere in evidenza quello che è un fiore all’occhiello di questo paese e non è un problema corporativo. La scuola è diventata terreno di scontro politico. Abbiamo dato prova di essere persone molto pragmatiche. Il personale della scuola non va a bruciare i cassonetti ma ora basta, la politica deve dare risposte concrete. Dopo mesi che abbiamo avuto tavoli aperti abbiamo capito che questo è un sistema che non può
più risolvere i problemi. È un problema politico, siamo in ‘zona rossa’ e non c’è più possibilità di risolvere i problemi con il dialogo ci vuole un elemento conflittuale. In una democrazia la parola conflitto non è una parolaccia, la parola conflitto serve per trovare le risposte giuste. Lo sciopero generale con la manifestazione a Roma è un’azione di garanzia democratica. Non si deve derubricare questo sciopero – ha concluso il sindacalista – come una semplice azione di routine perché siamo di fronte al baratro. C’è un accanimento terapeutico contro la scuola”.

Alle domande di Orizzonte Scuola, “Come vede la soluzione di estendere l’organico aggiuntivo covid fino a fine anno scolastico facendo scegliere le scuole se servono più ATA o più docenti? Non temete che con i contagi in aumento lo sciopero possa avere problemi con le restrizioni?”

Turi risponde: “Sullo sciopero non penso ci saranno problemi, la manifestazione non è il fine, ma il mezzo”.

Sull’organico Covid: “Non è la soluzione ai problemi, è come il lavoratore stagionale. Questa Finanziaria per la scuola non dà nulla”.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO