Turi (Uil Scuola): “Basta con la propaganda, con le forzature o il prossimo anno scolastico rischia di saltare”

Stampa

“Basta con la propaganda politica, con il dibattito sui giornali, con le forzature, con le dichiarazioni di scuola ad ogni costo, costi quel che costi. Ci si metta intorno a un tavolo per trovare soluzioni con un approccio, una visione diversa. O l’anno prossimo rischia di saltare”.

Così all’Adnkronos Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola, rivolgendosi alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ed afferma: “Tutti vogliamo che si aprano le scuole, ma non basta dirlo, bisogna farlo e ci devono essere le condizioni per farlo. O a pagare saranno i ragazzi in un fiume di debiti incorniciato da un dibattito ormai diventato stucchevole”.

“Invece – denuncia il sindacalista – il tracciamento non c’è; mancano i docenti e di presidi sanitari interni agli istituti neanche a parlarne; le scuole sono in mano alle asl, una diversa dall’altra; mancano i docenti; si parla di dad, di ddi, con i presidenti delle regioni che si infilano dentro; il problema dei trasporti non è risolto; le istituzioni non si parlano”.

“La ministra – conclude il sindacalista – ci tratta da sudditi: si concentra sulla sua immagine in tv e secreta il rapporto Bianchi, che aveva individuato necessità di interventi urgenti per affrontare la pandemia e doveva essere un progetto per futuro ma non si è mai discusso”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur