Turi (UIL), intervento d’urgenza per assumere i precari. Regionalizzazione? Zero, non se ne parla

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Oggi a Roma manifestazione per contestare la legge di bilancio da poco varata dal Parlamento. Abbiamo sentito gli esponenti più rappresentativi del mondo scuola presenti alla manifestazione.

“Siamo in piazza – ha detto Turi – per sostenere 3 rivendicazioni, rinnovo del contratto, no alla regionalizzazione e risolvere il problema del precariato.”

“Il resto fa parte di un pacchetto, – ha continuato – a partire dai passaggi di qualifica del personale ATA.”

Sulle assunzioni, così il segretario UIL scuola. “Molte assunzioni e pochi aspiranti, abbiamo chiesto un intervento di urgenza per precari, a settembre rimarranno vacanti molti posti.”

“Vogliamo evitare lo sciopero, la scuola non può più aspettare. Ministro – ha detto Turi – impegnati molto, non si può chiedere solo sacrifici agli altri.”

Regionalizzazione? “Zero. Non è il modello di scuola ereditato dalla costituzione”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione