Tunisia: una deputata propone l’educazione sessuale a scuola per evitare gli abusi

WhatsApp
Telegram

La deputata Yamina Zoghlami, del partito islamico tunisino Ennhadha, ha suscitato parecchio scalpore quando ha proposto di introdurre corsi di educazione sessuale nei programmi di scuole e licei del Paese per meglio proteggere i più giovani dagli abusi e dalle violenze sessuali.

La proposta è stata presentata durante l’udienza di ratifica da parte della Tunisia della Convenzione di Lazarote del Consiglio d’Europa per la protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali.

Il ministero dell’Istruzione è arretrato, ha detto in aula, il bambino ha paura del proprio corpo e pensa che tutto sia peccato.

La deputata ha chiesto di introdurre corsi di educazione sessuale e si potrebbe cominciare già dai bambini di 4-5 anni, perché un bambino che conosce il proprio corpo è in grado di proteggersi meglio, ha spiegato.

Per queste sue affermazioni ha ottenuto un’inaspettata popolarità in rete per la deputata islamista.

WhatsApp
Telegram

Diventa docente di sostegno, bando a breve: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, scade oggi