Troppo caldo in aula, anche a Catania partono le proteste: “Rischio per la salute ed effetti negativi per l’apprendimento”

WhatsApp
Telegram

“Nelle scuole di Catania, alunni, studenti, e genitori stanno lanciando un accorato appello attraverso i loro rappresentanti di classe e un comitato di genitori: il caldo estivo all’interno delle aule rappresenta una vera e propria emergenza. Questa situazione critica ha portato a chiedersi se sia giunto il momento di definire una ‘emergenza Caldo’ a scuola proprio come è stato fatto negli scorsi inverni dall’Associazione dei Consumatori d’Italia Consitalia per l’assenza di riscaldamenti idonei ed adeguate”.

Lo rende noto Fabio Micalizzi Presidente di Consitalia Catania. “Una questione di sicurezza e benessere. Le temperature elevate all’interno degli edifici scolastici – aggiunge- non solo rendono difficile la concentrazione e l’apprendimento, ma possono anche avere effetti negativi sulla salute, aumentando il rischio di colpi di calore e affaticamento. È una situazione che non può essere sottovalutata”.

Di fronte a questa emergenza – evidenzia- gli studenti e i loro genitori stanno chiedendo al Sindaco di Catania di assumere un ruolo di leadership. Sia un portavoce delle problematiche legate al caldo nelle scuole sia a livello regionale che nazionale, portando queste domande al Ministero competente”.

È essenziale – conclude- individuare soluzioni concrete e immediate, considerando che il caldo in Sicilia potrebbe persistere per diversi mesi, come suggerito dalle previsioni annuali che indicano un aumento delle temperature già da maggio in poi”.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso