Covid-19, troppi positivi tra i giovani: il sindaco di Nusco, Ciriaco De Mita, rinvia il rientro in classe

Stampa

Troppi i casi recenti di coronavirus che vedono coinvolti cittadini di ogni fascia d’età, anche giovani, e il  sindaco decide quindi di rinviare la riapertura delle scuole prevista lunedì per le medie e il 1° febbraio per le superiori.

Succede in Irpinia: il paese in questione è Nusco, il sindaco è Ciriaco De Mita,  ex presidente del Consiglio, tre volte ministro, segretario nazionale  della Democrazia cristiana e deputato dal 1963 al 1994, prossimo al compimento dei 93 anni.

Nel piccolo comune irpino la riapertura di medie e superiori non terrà conto quindi di quanto indicato nell’ordinanza firmata ieri dal  presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che comunque  lascia ai sindaci la possibilità di fare valutazioni differenti in  base alla situazione epidemiologica locale.

La decisione viene illustrata dall’Amministrazione comunale in una comunicazione alla cittadinanza: “In un quadro epidemiologico che vede un costante incremento del numero dei casi di positività da Covid-19  all’interno del territorio comunale – si legge – abbiamo ritenuto  doveroso allungare i tempi di monitoraggio necessari a sancire la  ripresa delle attività didattiche ed educative in presenza per tutti  gli ordini e gradi di istruzione. Il dato da non sottovalutare è  legato al numero elevato di casi positivi appartenenti ad ogni fascia di età scolastica. Questo fenomeno allarmante ci spinge ad agire con  prudenza ed a procrastinare la riapertura delle scuole, almeno fino a  quando l’Azienda sanitaria locale non avrà terminato gli screening sui contatti avuti da coloro i quali sono risultati positivi nei giorni scorsi”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur