Troppi bocciati e con debito. Il Preside: docenti impegnati a decimare popolazione scolastica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Cervignano del Friuli, Bassa Friulana. Come in tutte le altre scuole secondarie di II grado, si tirano le somme degli scrutini finali.

Ma il Preside non le manda a dire e in una intervista al Messaggero Veneto chiama in causa i docenti e il loro ruolo educativo, soprattutto nel biennio delle superiori.

I risultati della scuola in oggetto. 1.460 gli studenti: 1.126 promossi (77 per cento), 262 rimandati, per lo più in una o due discipline (18 per cento), e 72 bocciati (5 per cento). Dati che il Preside della scuola considera lusinghieri, ma dei quali vuole mettere in evidenza alcuni aspetti. 19 degli alunni non ammessi alla classe successiva non lo sono per “demerito”, o meglio di questo non si è arrivati a parlare, ma per l’elevato numero di assenze consentite.

Il Preside Aldo Durì commenta così dalle pagine del Messaggero Veneto “Attenzione, questi ragazzi, che conosco personalmente, non sono fannulloni che hanno marinato la scuola. Nella gran parte dei casi sono vittime di stati ansiosi, di sindromi depressive, di attacchi di panico legati alla frequenza scolastica. Ci sono ragazzi che recalcitrano come muli di fronte alle porte della scuola, ragazzi che si chiudono in casa, studenti che ricorrono perfino all’autolesionismo per manifestare il loro malessere. Non basta dire che sono ragazzi fragili e privi di carattere: una diagnosi banale che assolve tutti. Talvolta è la scuola a essere poco accogliente. Più di sovente sono le pressioni e le aspettative eccessive dei genitori a provocare le ansie da prestazione di questi adolescenti”

E in effetti le parole del Preside trovano conferma in un recente studio OCSE

Gli studenti italiani in ansia per lo studio (anche se sono preparati), ma fanno facilmente amicizia

Il secondo dato che il Preside vuole mettere in evidenza chiama in causa la responsabilità degli insegnanti: nelle prime classi la percentuali di promossi è del 64, 31% , nelle quinte il 98.45%.

“Temo che i professori delle superiori – commenta – non abbiano capito che il primo biennio è scuola dell’obbligo, che deve fornire le competenze di base e che nella scuola dell’obbligo, come nelle primarie e nelle medie, nessuno può essere lasciato indietro

“Sono stanco – conclude il dirigente – di salvare la sopravvivenza di una scuola i cui docenti sembrano solo impegnati a decimare la popolazione scolastica e a scoraggiare le iscrizioni”.

Cosa ne pensi? Nella tua scuola com’è andata? Puoi inviare le tue riflessioni a [email protected]tescuola.it

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione