Troppa violenza contro i prof: la colpa è dei progetti e dell’offerta formativa a brandelli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Vincenzo Cubelli ha scritto un articolo su bergamonews.it in cui analizza le cause della violenza degli studenti sui docenti.

L’autore spiega come sia dovuta in parte alla mancanza di autorità, ma anche alla incapacità della scuola di oggi a diffondere quella conoscenza e competenza che guidi gli studenti a diventare uomini e cittadini, dominando, controllando e selezionando i troppi stimoli, informazioni e anche disvalori della società di oggi.

Secondo l’autore dell’articolo, uno dei motivi alla base dei problemi consiste nei progetti. “Progetti spesso svolti in orario curricolare”, continua l’autore, “il che significa che in qualche classe di scuola primaria si farà meno matematica per insegnare il tchoukball.”

E poi “l’offerta formativa produce solo brandelli di informazione, che difficilmente possono a loro volta produrre quelle competenze di cittadinanza globale che dovrebbero indurre lo studente a giudicare l’aggressione ad un insegnante semplicemente come “male””.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione