Tredicesima, arriva con largo anticipo. Come calcolarla

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Babbo Natale consegna stipendio e tredicesima in anticipo. Si avvicina la data in cui sarà messa in pagamento la gratifica natalizia per il personale scolastico. 

Per effetto del calendario 2018, ci sarà una bella sorpresa per docenti e personale Ata.

Allo scadere della seconda settimana di dicembre, venerdì 14 per la precisione, il personale scolastico potrà disporre dello stipendio mensile e della gratifica natalizia, cioè la tredicesima.

Cedolino su NoiPA

Il cedolino relativo a stipendio e tredicesima sarà visibile, sin dai primi giorni di dicembre, sulla relativa sezione di NoiPA. Segui il percorso

Ma a che cosa è dovuto questo effetto positivo? Semplice: di solito il pagamento della tredicesima per il personale della scuola avviene intorno a metà dicembre ed è proprio all’erogazione della gratifica natalizia che viene abbinato anche lo stipendio.

La tredicesima è elargita ai dipendenti pubblici con largo anticipo rispetto alla data di accredito dello stipendio. Il decreto legge stabilisce che qualora il giorno di paga sia festivo o non lavorativo, questo può essere anticipato al primo giorno utile.

Poiché il quindici e il sedici dicembre saranno rispettivamente un sabato e una domenica, il primo giorno utile per stipendio e tredicesima diventa venerdì 14.

Come si calcola

Il calcolo avviene secondo le indicazioni incluse nei CCNL dei vari comparti.

Alcune voci contrattuali di riferimento sono generalmente:

  • il minimo contrattuale o paga base tabellare,
    l’indennità di contingenza,
  • gli eventuali superminimi assorbibili o non, orari o mensili,
  • gli scatti di anzianità,
  • l’eventuale EDR o terzo elemento

E tutti gli elementi presenti in maniera fissa nella parte alta del cedolino paga.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione