Trecentomila bambini stranieri in Italia hanno problemi di linguaggio

di redazione
ipsef

GB – I bambini stranieri in Italia rischiano che eventuali disturbi del linguaggio, dei quali soffrono, vengano confusi con le difficoltà di apprendimento della lingua.

GB – I bambini stranieri in Italia rischiano che eventuali disturbi del linguaggio, dei quali soffrono, vengano confusi con le difficoltà di apprendimento della lingua.

I logopedisti lanciano l’allarme in occasione della Giornata Europea dedicata al ‘multilinguismo’, che si celebra il 6 marzo.

”Per tutte le lingue del mondo” è lo slogan della Giornata di quest’anno, che vuole mettere in evidenza come il ‘multilinguismo’ sia una condizione legata principalmente al fenomeno dell’immigrazione e che vede maggiormente coinvolti bambini in eta’ scolare e prescolare.

Sono oltre 800mila gli studenti stranieri in Italia, circa 300mila sono bambini tra i 6 ai 12 anni: almeno 20mila avrebbero bisogno del logopedista.

Per questo la Federazione Logopedisti Italiani offrirà attraverso il proprio sito Internet (www.fli.it e relativi ‘social’) materiale informativo tradotto in tante lingue che sarà a disposizione di professionisti, operatori scolastici, famiglie e comunità straniere presenti in Italia.

La presenza degli alunni stranieri nelle scuole italiane è sempre più numerosa: secondo il Miur, nell’anno scolastico 2012/2013 il numero degli alunni con cittadinanza non italiana è stato di 786.630 unità, ovvero 30.691 in più rispetto all’anno scolastico precedente.

Versione stampabile
soloformazione