Tre milioni di euro per l’edilizia scolastica umbra

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Regione Umbria – Quasi tre milioni di euro per le scuole del primo e secondo ciclo di istruzione scolastica: sono questi i contributi che saranno erogati ai comuni attraverso il Piano 2019-21 di adeguamento alla normativa antincendio degli edifici scolastici.

“Nell’ultima seduta della Giunta regionale – ha affermato l’assessore all’istruzione Antonio Bartolini – abbiamo approvato i criteri di selezione delle domande che andranno a costituire il piano di interventi regionale da predisporre considerando in particolare la vetustà degli edifici ed il numero di studenti interessati, da inviare al Ministero dell’Istruzione entro e non oltre il prossimo 10 dicembre 2018. Sulla base dei criteri definiti nella Conferenza unificata Governo, Regioni ed Enti Locali del settembre scorso, il riparto dei finanziamenti nazionali prevede una dotazione per la Regione Umbria pari ad euro 2.836.041,91 per il triennio 2019-2021. Abbiamo ritenuto opportuno e necessario dunque acquisire in tempi rapidi le domande di intervento degli enti locali al fine di predisporre il piano regionale 2019-21 da trasmettere al ministero entro i termini prescritti e di individuare i criteri di valutazione delle domande, anche sulla base delle indicazioni fornite dal MIUR, e attribuire loro il relativo peso in termini di punteggio, nonché le modalità e i tempi di presentazione delle domande stesse.
Sono ammissibili – ha specificato l’assessore – gli interventi finalizzati all’adeguamento degli edifici scolastici alla normativa antincendio che ospitano istituzioni scolastiche statali del primo e del secondo ciclo di istruzione e beneficiari sono gli Enti locali proprietari e/o responsabili della manutenzione ordinaria e straordinaria di edifici scolastici del primo e del secondo ciclo di istruzione.
Sono previsti quali livelli massimi di contributo concedibile 50.000 euro per interventi su edifici del primo ciclo di istruzione e 70.000 per interventi su edifici del secondo ciclo.
Nel caso in cui il costo complessivo dell’intervento sull’edificio superi questi valori è richiesto l’impegno da parte dell’Ente richiedente a garantire il cofinanziamento per la parte rimanente.
La domanda di intervento – ha sottolineato l’assessore Bartolini – va presentata entro e non oltre il 3 dicembre 2018 ed in considerazione dei tempi richiesti per la presentazione del Piano di Interventi al MIUR, non saranno ammesse a valutazione le domande incomplete della documentazione richiesta”.

Il piano triennale regionale degli interventi sarà quindi approvato dal dirigente del Servizio Università, diritto allo studio universitario e ricerca della Regione Umbria e inviato al Ministero dell’Istruzione, università e ricerca entro il 10 dicembre 2018.

Tra i criteri di valutazione che concorreranno a formare la graduatoria degli interventi figura il numero di studenti presenti nell’edificio, riferito all’anno scolastico 2018-19, la vetustà dell’edificio e l’eventuale quota di cofinanziamento da parte del richiedente.

Le risorse disponibili ammontano ad euro 2.836.041,91 saranno distribuite al 30% per le Province (il 70 per cento alla Provincia di Perugia ed il 30 per cento alla Provincia di Terni); 40 per cento per i Comuni con popolazione pari o superiore a 15.000 abitanti ed il 30 per cento per i Comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti, con la possibilità di spostamento di risorse non utilizzate da una fascia all’altra.

Versione stampabile
anief
soloformazione