Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Trattamento integrativo, perchè va restituito nel 730?

WhatsApp
Telegram

Quando si ha un reddito troppo basso e si riceve lo stesso il trattamento integrativo, il rischio è quello di doverlo restituire con il 730.

Il trattamento integrativo, conosciuto anche come taglio del cuneo fiscale o ex bonus Renzi, spetta solo in determinate circostanze. E può capitare a diversi lavoratori di percepirlo dal datore di lavoro e trovarsi, poi, nella difficile condizione di doverlo restituire a conguaglio nel 730 perché non spettava. Rispondiamo a un nostro lettore che ci scrive:

Avrei gentilmente un approfondimento da chiedere in riferimento al 2022:

con un reddito anno 2022 tot di 2091 e una imposta lorda di 481 avendo lavorato a tempo determinato per un tirocinio di soli 92 giorni , perchè nel calcolo delle detrazioni 730 compaiono in automatico(?) al rigo 25 sulle detraz lav dip euro  1380 mentre nella CU il totale detrazioni riportate è 474 euro facendomi così restituire il trattamento integrativo anticipatomi dal sostituto secondo il quale il trattamento mi era dovuto(302 -rit irpef-rit region)???

Ripongo tutta la mia fiducia che Voi possiate sbrogliare questo arcano mistero ,

Ringrazio nuovamente 

Trattamento integrativo da restituire

Il trattamento integrativo è una riduzione dell’Irpef trattenuta in busta paga al lavoratore dipendente e per averne diritto si deve essere capienti, ovvero di deve pagare l’Irpef. Proprio per questo motivo il trattamento integrativo è riconosciuto solo per redditi superiori agli 8.000 annui. Fino a 8mila euro annui, infatti, le detrazioni spettanti annullano l’Irpef dovuta e di fatto non si assoggettati all’imposta.

Se non c’è un’imposta che si paga non ci può essere un trattamento integrativo che altro non è che una riduzione del’Irpef stessa. Se lei ha avuto in tutto il 2022 un reddito totale di 2.091 euro il trattamento integrativo non le sarebbe spettato e se il suo datore di lavoro gliel’ha riconosciuto, per forza di cose deve restituirlo con la presentazione del modello 730. Ecco risolto l’arcano mistero, l’errore è stato del suo datore di lavoro che doveva prevedere che non avrebbe superato gli 8mila euro e che, quindi, non le spettava il trattamento integrativo.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia