Trasporto scolastico mediante autobus di proprietà dell’istituto: scarica modello di regolamento servizio

Stampa

Il servizio di trasporto scolastico risponde all’esigenza di facilitare l’assolvimento dell’obbligo scolastico, e non solo in questo caso (nelle scuole secondarie superiori anche per far fronte all’eccessiva delocalizzazione dei propri utenti rispetto alla sede fisica dell’Istituto, vedi ad esempio i territoti montani), concorre a rendere effettivo il diritto allo studio e facilita l’accesso alla scuola di competenza, con priorità per coloro per i quali il raggiungimento della sede scolastica presenta difficoltà di ordine oggettivo.

Il servizio, che deve essere improntato a criteri di qualità ed efficienza, è svolto solitamente dal Comune, nell’ambito delle proprie competenze, stabilite dalla normativa vigente, compatibilmente con le disposizioni previste dalle leggi finanziarie e dalle effettive disponibilità di bilancio. Può, però, in molti istituti superiori, essere assicurato dalla scuola attraverso mezzi di propria proprietà.

Erogazione del servizio
Il servizio viene effettuato nei confronti degli alunni della scuola mediante l’utilizzo di scuolabus ed il suo funzionamento è assicurato utilizzando le specifiche figure professionali attinenti al servizio. Il Servizio si effettua, secondo il calendario annualmente stabilito dagli organismi scolastici, dal lunedì al sabato in orario antimeridiano e pomeridiano, il sabato in orario antimeridiano, a seconda, comunque, dall’orario adottato dal Consiglio di istituto. Potrebbe essere previsto, anche, il servizio per le entrate e le uscite intermedie rispetto all’ora di inizio e termine delle lezioni.

Organizzazione del servizio
Nella organizzazione del servizio deve essere data priorità alle esigenze degli alunni aventi la residenza più distante dalla sede scolastica, tenuto conto della effettiva capienza del veicolo.
I percorsi degli scuolabus comunali si svolgono sempre secondo fermate prestabilite di agevole raggiungimento per gli utenti. Le fermate potranno subire variazioni di collocazione, essere aumentate o diminuite in rapporto all’entità dell’utenza. Non possono essere effettuate fermate diverse da quelle prestabilite.

Un regolamento di istituto per disciplinare l’utilizzo del mezzo in dotazione
L’adozione di un regolamento di istituto servirebbe e serve a disciplinare il servizio di trasporto scolastico mediante autobus privato rivolto agli alunni dell’Istituto. Premesso che gli orari del trasporto pubblico non sono perfettamente coerenti con l’orario delle lezioni, l’IISS “G: Solimene” di Lavello (Pz), guidato con una ineguagliabile competenza gestionale e capacità didattico-organizzative dalla prof.ssa Anna dell’ Aquila per esempio, ha istituito il servizio di trasporto scolastico, al fine di agevolare la frequenza scolastica degli alunni domiciliati nei comuni limitrofi.

Criteri di utilizzo
Il servizio di trasporto viene garantito coerentemente a quanto previsto sia dal Regolamento di Istituto che dalla disponibilità finanziaria prevista nell’aggregato progetto mobilità, oltre che dalle norme contenute nel codice della strada.
Il servizio è fornito agli alunni iscritti presso l’Istituto e residenti nei Comuni limitrofi.

Come utilizzarlo
Il Servizio di trasporto viene erogato su domanda da uno dei genitori o da chi esercita la potestà sull’alunno. Le famiglie interessate ad usufruire di tale servizio dovranno farne richiesta compilando un apposito modulo d’iscrizione che gli uffici della segreteria dell’Istituto dovrebbero creare e, successivamente, ricevere.
Tipologia del servizio
Il servizio di trasporto è organizzato sulla base di un piano predisposto annualmente dall’Istituto in base alle proprie esigenze e disponibilità, anche al fine di integrarlo nel quadro di una utilizzazione programmata dei mezzi pubblici di trasporto. Il servizio (percorsi, orari e fermate) viene organizzato annualmente in base al numero degli utenti e in funzione della dislocazione sul territorio degli stessi.

Organizzazione del servizio
Il Servizio viene effettuato secondo il calendario scolastico.
Il servizio (percorsi, orari e fermate) è sottoposto ad esclusiva competenza dell’Istituto in base alle disponibilità degli organi competenti, al numero degli utenti e in funzione della dislocazione sul territorio degli stessi ed è reso noto ai genitori.
In caso di assenza dell’autista o di guasti del mezzo, o di avversità atmosferiche od in ogni caso di impossibilità dell’Istituto di svolgere il citato servizio, in maniera parziale o totale, il trasporto resta a carico di ciascun alunno.
Nelle zone urbane i ragazzi sono prelevati e rilasciati in punti di raccolta prestabiliti. La fermata individuale e l’orario dovranno essere categoricamente rispettati.

Norme di comportamento nell’uso dell’autobus
L’autobus utilizzato per l’espletamento del servizio non può contenere viaggiatori in numero superiore a quello previsto dal collaudo e dal libretto di circolazione. La conduzione è strettamente riservata al personale incaricato dall’Istituto.

Regole per l’autista
Il conducente dell’autobus deve controllare il mezzo in tutte le sue parti meccaniche e valutarne quotidianamente l’efficienza e la sicurezza. Ogni disfunzione del mezzo deve essere immediatamente segnalata al competente Ufficio; non può affidare ad altri la guida; non può effettuare fermate aggiuntive o diverse da quelle previste dall’itinerario di percorso predisposto dall’Istituto; non può far salire sull’autobus persone estranee e non autorizzate per lo specifico itinerario.

Regole per il passeggero e controlli
Il passeggero deve mantenere un comportamento corretto e rispettoso. Non deve disturbare l’Autista, né muoversi dal proprio posto; non deve arrecare danni alla vettura per i quali sarà chiesto il risarcimento a carico dello stesso o degli aventi causa. Il passeggero deve prendere rapidamente posto, posizionare lo zaino sulle ginocchia o a terra, non alzare il volume della voce.
Il conducente quotidianamente al rientro del percorso effettuerà controllo sul mezzo e comunicherà tempestivamente all’ufficio preposto dall’Istituto eventuali danni e/o irregolarità riscontrate.
In base al rapporto dettagliato del conducente al DSGA, questi potrà disporre i seguenti provvedimenti nei confronti degli utenti che con il loro comportamento pregiudichino la sicurezza del trasporto: ammonizione verbale o scritta; la sospensione temporale dal servizio. La durata della sospensione è rapportata alla gravità del comportamento posto in essere dall’utente

Contributo spese a carico dell’alunno
Gli utenti del servizio si obbligano a versare all’Istituto un contributo per supportare le spese del servizio stabilito annualmente dall’Istituto. Gli alunni effettueranno un versamento mensile e copia della ricevuta.

REGOLAMENTO SERVIZIO AUTOBUS

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur