Trasferimento sostegno scuola Secondaria I grado: sono tre le tipologie di posto

di Giovanna Onnis
ipsef

item-thumbnail

I posti i sostegno nella scuola Secondaria di I e II grado possono essere richiesti, nella domanda di trasferimento, dai docenti in possesso del titolo di specializzazione indicato dalla normativa, come stabilito nell’art.26 del CCNI

I posti di sostegno nella scuola secondaria di I grado possono essere assegnati nell’ambito delle tre tipologie(EH-sostegno per minorati psicofisici, DH- sostegno per minorati dell’udito, CH-sostegno per minorati della vista), solo ai docenti in possesso del richiesto titolo di specializzazione, che dovrà essere presentato unitamente all’istanza di trasferimento.

Ordine valutazione preferenze per le tre tipologie di sostegno richieste

Le preferenze inserite nella domanda di mobilità saranno esaminate secondo l’ordine espresso dal docente. Se il docente ha indicato, nell’apposita sezione del modulo domanda, il possesso di più titoli validi per l’accesso a diverse tipologie di sostegno, viene assegnato in titolarità nella prima preferenza espressa che possa essere soddisfatta nell’ordine di scelta indicato.

Le diverse tipologie di sostegno saranno prese in considerazione solamente nel caso in cui l’interessato dichiara sul modulo domanda il possesso dei prescritti titoli di specializzazione. Queste disposizioni sono valide sia per le preferenze analitiche(specifiche scuole) che per le preferenze sintetiche (distretti, comuni, province)

Trasferimento sostegno Scuola Secondaria II grado senza distinzione per aree disciplinari

Nella scuola Secondaria II grado la mobilità su posti di sostegno viene disposta senza distinzione nelle quattro aree disciplinari (AD01- scientifica, AD02- umanistica, AD03- tecnica-professionale-artistica, AD04- psicomotoria), che saranno prese in considerazione solo, a mobilità conclusa, per le immissioni in ruolo.

In base a quanto stabilito nell’art.26 comma 3, infatti, nella scuola Secondaria di II grado, in attuazione dell’art. 15 comma 3 bis della L. 128 /2013, che prevede: “Le suddette aree disciplinari continuano ad essere utilizzate per le graduatorie di cui all’articolo 401 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni, e per i docenti inseriti negli elenchi tratti dalle graduatorie di merito delle procedure concorsuali bandite antecedentemente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”, i posti che residuano al termine delle operazioni di mobilità sono ripartiti nelle quattro aree disciplinari proporzionalmente alle disponibilità iniziali di ciascuna area, fino ad aggiornamento delle graduatorie.

Come si valuta la domanda quando si richiede sia materia che sostegno

Gli insegnanti di scuola Secondaria titolari su posti di sostegno che hanno superato il vincolo di permanenza quinquennale su detti posti, e gli insegnanti titolari di cattedre, in possesso del titolo valido per l’accesso ai posti di sostegno, potranno chiedere di partecipare al trasferimento per le stesse preferenze espresse sia su posti di sostegno sia su classi di concorso.

Qualora vengano richieste entrambe le tipologie i predetti insegnanti dovranno indicare nel modulo domanda l’ordine prescelto di gradimento (cattedre, sostegno), contrassegnando le apposite caselle numerate nel modulo domanda. Nell’ordine espresso verrà analizzata ciascuna preferenza (sia puntuale che sintetica) inserita nella domanda.

Tutto sulla mobilità

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione