Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Trasferimento interprovinciale, assegnazione provvisoria e vincolo triennale: ecco i chiarimenti

Stampa

Nei trasferimenti dei docenti si applica il vincolo triennale di permanenza nella stessa scuola. Ciò vincola anche la richiesta di assegnazione?

Elisabetta scrive

Sono un’insegnante di sostegno di scuola primaria che ha ottenuto il trasferimento interprovinciale in una delle sedi espresse nella domanda come preferenza sintetica (comune). Dal momento che, però, nel comune dove sono stata trasferita vi è un unico Istituto Comprensivo, vorrei sapere se potrò comunque presentare domanda di assegnazione provvisoria nel mio comune di residenza (per riavvicinamento al coniuge) oppure se sono soggetta al vincolo triennale sia nel nuovo comune sia nella tipologia di posto (l’anno scolastico 2019/20 sarebbe, infatti, il quinto anno in ruolo sul sostegno e l’anno successivo avrei optato per fare domanda su posto comune). Insomma: la preferenza sintetica espressa sul comune, qualora lo stesso ricomprenda un unico Istituto Comprensivo, è da considerare alla stessa stregua di una preferenza analitica (su singola scuola) ai fini della possibilità di produrre domanda di assegnazione provvisoria e, per l’anno successivo, di passaggio da sostegno a posto comune? Grazie anticipatamente della cortese risposta. Un cordiale saluto.

Richiesta puntuale e richiesta sintetica

Con la mobilità 19/22 si è introdotto il vincolo triennale di permanenza nella stessa scuola, se questa è ottenuta con trasferimento/passaggio perché indicata analiticamente tra le preferenze. Se, invece, tra le preferenze si inseriscono il codice comune o il codice distretto e provincia il trasferimento è comunque su scuola ma non si è soggetti al vincolo triennale

Assegnazione provvisoria e vincolo triennale

In ogni caso, anche avendo ottenuto la scuola con scelta puntuale il docente non ha alcun vincolo per ciò che riguarda le assegnazioni provvisorie. Pertanto, il vincolo di permanenza nella stessa scuola riguarda solo la non possibilità di poter chiedere trasferimento/passaggio per i prossimi tre anni.

Conclusioni

Elisabetta ha ottenuto per il 2019/20 trasferimento su sostegno nell’unica scuola disponibile nel comune indicando tra le preferenze il codice sintetico del suddetto comune.

A lei non potrà essere applicato il vincolo triennale in quanto anche se unica scuola disponibile il codice utilizzato è comunque sintetico e non puntuale di scuola.

Potrà quindi produrre domanda di assegnazione (ciò comunque avrebbe potuto fare anche se avesse ottenuto la singola scuola espressa puntualmente), ovviamente solo su posto di sostegno, e il prossimo anno potrà inoltrare domanda di trasferimento per il posto normale essendo il quinto anno sul sostegno.

 

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur