Trasferimento e passaggio di cattedra: il docente che richiede ambedue i movimenti può decidere a quale dare priorità

Stampa

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Mobilità professionale e punteggio: non si valutano le esigenze di famiglia

Annalisa  – Sono un’insegnate di scuola dell’infanzia. Ho fatto richiesta per l’anno scolastico 2016/17 di passaggio di ruolo dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria tramite istanze on line. Nel compilare il modulo, nel paragrafo relativo allo status di famiglia, non ho avuto la possibilità di inserire nè la presenza di mio marito, né  il numero di figli (2). Nella notifica ricevuta sulla mia casella di posta del MIUR in effetti non compaiono i miei figli, di conseguenza non mi sono stati assegnati i punteggi relativi (considerando che i bimbi hanno rispettivamente 4 ed 1 anno penso siano molti i punti che perdo!).

Trasferimento dal corso serale al corso diurno della stessa scuola: per questo movimento è prevista precedenza per il docente che lo richiederà

Stefano – Se un docente è titolare ad una scuola (denominazione XXX) corso serale e ha chiesto trasferimento alla stessa scuola (denominazione XXX) ma al diurno (le due scuole hanno diversi codici meccanografici) ha priorità di esser trasferito lì, indipendentemente dal suo punteggio (basso o alto), rispetto a chi si vuol trasferire in questa scuola (corso diurno) e proviene da altre scuole (denominazioneYYY)? Vi chiedo gentilmente di fornirmi risposta . Grazie in anticipo

Trasferimento e passaggio di cattedra: il docente che richiede ambedue i movimenti può decidere a quale dare priorità

Monja – Sono una docente assunta prima della legge 107  (anno 14/15) e sono in procinto di fare la domanda di mobilità interprovinciale. Vorrei chiederle se posso fare domanda interprovinciale e contemporaneamente domanda di cambio di  cattedra, dando la priorità alla materia in cui vorrei cambiare cattedra (inglese) senza però precludermi la possibilità di restare sulla materia attuale (tedesco). E’ possibile? Spero di essere stata abbastanza chiara. Ringraziandola, porgo cordiali saluti

Mobilità interprovinciale e preferenze su ambiti: regole diverse a seconda della fase di immissione in ruolo

Renata – Sono stata assunta in fase C lo scorso novembre, e ho richiesto il differimento al prossimo settembre 2016, in quanto insegnante in una scuola paritaria. A breve, noi della fase C ci troveremo a fare obbligatoriamente la domanda di mobilità, che per noi sarà a livello nazionale. A questo proposito, avrei un quesito da porvi: si parte dalla provincia di assegnazione provvisoria . Sono obbligata a elencare tutti gli ambiti di questa provincia prima di quelli di un’altra provincia o è possibile mischiarli ? Ve lo chiedo perché non è chiaro se gli ambiti vengano considerati in relazione alla provincia di appartenenza o singolarmente. Spero di essere stata sufficientemente chiara. Vi ringrazio

Mobilità interprovinciale e preferenze su ambiti: non è possibile inserire due volte la stessa preferenza

Angelo – Sono un docente assunto in ruolo nel 2014, avrei bisogno di un chiarimento riguardo la mobilità interprovinciale. Vorrei scegliere il primo ambito “X” per avere titolarità su scuola, e altri due ambiti “Y” e “Z”.Posso mettere “X” anche come secondo ambito? Quindi 1° X; 2° X; 3° Y; 4° Z. In attesa di una risposta, saluti.

Chiedilo a Lalla

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!