Trasferimento da sostegno a posto comune: nessuna precedenza per la scuola di titolarità

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Il docente che chiede trasferimento da sostegno a posto comune nella scuola di titolarità non usufruisce di alcuna precedenza. Il movimento è disposto in base al punteggio e alla sequenza operativa

Una lettrice ci scrive:

Quest’anno sono risultata perdente posto su posto di sostegno nella scuola dell’infanzia . Nella domanda ho chiesto il passaggio sulla comune. Nella scuola di titolarità c’erano due posti vacanti. Nei trasferimenti sono arrivate due docenti con meno punti di me pur avendo avuto trasferimento su stessa tipologia di posto. Io ho avuto invece il trasferimento d’ufficio in un’altra scuola. Posso fare qualcosa o é stato corretto il movimento di mobilità?”

I trasferimenti da sostegno a posto comune  vengono disposti successivamente rispetto ai trasferimenti sulla stessa tipologia di posto.

Sequenza operativa dei movimenti

L’ordine con il quale vengono disposti i movimenti è indicato nella sequenza operativa stabilita nell’allegato 1 del CCNI.

I trasferimenti da sostegno a posto comune rientrano sempre nella II fase della mobilità anche se riguardano  il comune di titolarità

All’interno della II fase hanno priorità i trasferimenti sulla stessa tipologia di posto, movimenti che rientrano nell’operazione identificata con la lettera F):

F) trasferimenti, a domanda, dei docenti titolari in provincia

I trasferimenti su tipologia di posto diversa rientrano, quindi, nell’operazione successiva identificata dalla lettera G):

G) trasferimento a domanda nella provincia di titolarità da sostegno a posto comune e da posto comune a posto di sostegno dei docenti senza precedenza anche se il trasferimento è per scuole dello stesso comune

Nessuna precedenza per la scuola di titolarità

Il docente che chiede trasferimento da sostegno a posto comune nella scuola di titolarità non usufruisce di alcuna precedenza. Il movimento viene disposto in base al punteggio all’interno dell’operazione nella quale rientra.

Nel caso descritto dalla nostra lettrice, non sono stati commessi errori nel trasferimento dei due docenti in quanto, pur avendo un punteggio inferiore rispetto alla nostra lettrice, avevano il diritto ad essere soddisfatti prima di lei nella richiesta di trasferimento nella scuola, poiché titolari nella stessa tipologia di posto richiesta

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads