Trasferimento da sostegno a posto comune: in quale fase della mobilità?

di Giovanna Onnis

item-thumbnail

Il trasferimento da sostegno a materia viene disposto dopo i trasferimenti per stessa tipologia di posto. In quale fase della mobilità rientra?

Una lettrice ci scrive:

Sono un’insegnante di sostegno di ruolo da 8 anni nella scuola secondaria di I grado. Vorrei partecipare alla mobilità per passare  sulla disciplina sempre all’interno dello stesso comune. Non ho ben capito se i colleghi di disciplina che chiederanno il trasferimento, provenienti da un altro comune, mi precedono o meno nelle fasi della mobilità?”

L’ordine con il quale vengono disposti i trasferimento e passaggi è indicato nell’allegato 1 del CCNI dove viene stabilita la sequenza operativa dei movimenti

Mobilità: per il 2019/20 previste tre fasi

Per il prossimo anno scolastico è stata ripristinata la fase comunale dei movimenti e per tutta la mobilità sono previste tre fasi distinte, come indicato nell’art.6 comma 2 del CCNI, come di seguito riportato:

Le operazioni di mobilità territoriale e professionale si collocano in tre distinte fasi:

I fase: Trasferimenti all’interno del comune

II fase: Trasferimenti tra comuni della stessa provincia

III fase: mobilità territoriale interprovinciale e  mobilità professionale

Trasferimento da sostegno a materia: in quale fase della mobilità?

Il trasferimento da sostegno a materia rientra nella II fase della mobilità anche se il movimento riguarda lo stesso comune di titolarità

All’interno della II fase questo movimento è, comunque, preceduto dai trasferimenti per la stessa tipologia di posto, cioè da materia a materia per stessa classe di concorso oppure da sostegno a sostegno

Il trasferimento da sostegno a materia è il movimento inserito nella lettera G) della II fase , mentre i trasferimenti per stessa tipologia di posto sono inseriti nella lettera F):

F) trasferimenti, a domanda, dei docenti titolari in provincia

G) trasferimento a domanda nella provincia di titolarità da sostegno a posto comune e da posto comune a posto di sostegno dei docenti senza precedenza anche se il trasferimento è per scuole dello stesso comune

Conclusioni

La nostra lettrice, quindi, anche se chiede trasferimento da sostegno a materia nel comune di titolarità, sarà preceduta dai docenti già titolari nella disciplina, anche se provenienti da un comune diverso rispetto a quello di titolarità, ma nella stessa provincia

Tutto sulla Mobilità 2019

Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
ads ads