Tragedia in una scuola di Palermo: bimba di 10 anni muore mentre faceva educazione fisica

Stampa

Una bambina di 10 anni è morta dopo aver battuto la testa mentre faceva educazione fisica. È accaduto nella scuola Vittorio Emanuele Orlando di via Lussembrugo a Palermo.

La bambina stava facendo educazione fisica quando per cause da accertare è scivolata ed è caduta all’indietro sbattendo la testa.

I primi a tentare di rianimare l’alunna sono stati gli insegnanti. Subito la dirigente ha chiamato i sanitari del 118, ma per la bimba, che frequentava la prima media, non c’è stato nulla da fare.

Sul tragico incidente indagano i carabinieri della compagnia di San Lorenzo. I militari stanno cercando di ricostruire quanto successo e stanno sentendo i professori e la dirigente scolastica.

“Si tratta di un momento drammatico, è accaduta una grave disgrazia. Tutta la comunità scolastica si unisce al dolore della famiglia”. A dirlo è Virginia Filippone, dirigente scolastica dell’istituto Vittorio Emanuele Orlando di Palermo, in cui oggi è morta una bimba di 10 anni.

“La scuola è stata colpita da un gravissimo lutto e tutta si unisce al dramma e al dolore della famiglia”, ha aggiunto. Domani nell’istituto saranno sospese le lezioni in segno di lutto.

“Ciao Marta!”, si legge a caratteri cubitali nell’homepage del sito della scuola.

Sarà eseguita l’autopsia sul corpo della piccola.  La decisione è arrivata in serata, dopo che in un primo momento era stata disposta la restituzione della salma alla famiglia. L’ispezione  cadaverica da parte del medico legale, infatti, aveva escluso colpi  mortali riconducibili a una caduta, facendo risalire il decesso a un malore improvviso. La Procura, però, ha deciso di aprire un fascicolo per escludere qualsiasi dubbio.

Domani nella scuola le lezioni sono sospese in segno di lutto.

Il cordoglio di Azzolina, Orlando e Casa

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, esprime “profondo cordoglio e dolore” per la tragedia avvenuta stamattina in una scuola di Palermo. La Ministra esprime anche la “massima vicinanza alla famiglia” e rende noto che il Ministero ha già avviato tutti gli accertamenti del caso.

“Si tratta di una tragedia immane, che colpisce la famiglia della piccola, la comunità scolastica e tutta la città. Sono certo di interpretare i sentimenti non solo dell’Amministrazione comunale ma di tutta Palermo, nell’esprimere vicinanza nel dolore alla famiglia di questa piccola, ai suoi insegnanti e ai suoi compagni”.  Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

“Il mio più commosso cordoglio alla famiglia della bambina che oggi ha perso la vita nella scuola Vittorio Emanuele Orlando. Sono tragedie che tolgono fiato e parole, per le  quali rimane solo un tremendo sconcerto”. Lo dice Vittoria Casa, presidente della commissione Cultura alla Camera, che aggiunge: “La scuola è vita, è crescita, è stare insieme. Verrà il tempo di chiarirele dinamiche nelle sedi opportune. Oggi è il momento del dolore”.

Cgil Sicilia e la Flc Cgil Sicilia

Esprimiamo il nostro cordoglio alla famiglia della bambina di 10 anni dell’istituto Vittorio Emanuele Orlando di via Lussemburgo di Palermo che ha perso la vita durante l’ora di educazione fisica. Una tragedia che ci addolora fortemente”. Lo dichiarano in una nota congiunta la Cgil Sicilia e la Flc Cgil Sicilia e Palermo.

Cordoglio dell’Anief

“Il giovane sindacato rappresentativo, con sede nazionale a Palermo, esprime profondo cordoglio nei confronti dei familiari, dei compagni di classe, dei docenti e del personale tutto dell’istituto siciliano dove è accaduto il terribile fatto”.

Il Provveditore agli Studi di Palermo, Marco Anello

“E’ una terribile tragedia che sconvolge la nostra città. A nome dell’Ufficio e della comunità scolastica tutta, esprimo il più profondo cordoglio e la più sentita vicinanza ai familiari della piccola Marta”.

Stampa

Aggiornamento Ata: Puoi migliorare il tuo punteggio in tempi rapidi: corso di dattilografia a soli 99 euro. Contatta Eurosofia