Tra le riforme di Profumo, il docente “allocato”

di redazione
ipsef

dp – Nuovo governo nuovo lessico. E nuova categoria di insegnanti? Si rischia la nascita del "docente allocato". Vediamo quando è stato utilizzato il termine e che significato possiamo attribuirgli.

dp – Nuovo governo nuovo lessico. E nuova categoria di insegnanti? Si rischia la nascita del "docente allocato". Vediamo quando è stato utilizzato il termine e che significato possiamo attribuirgli.

Partiamo dal programma di Profumo, che altro non è che il programma imposto dall’UE e che continua il solco segnato per titoli dal precedente Governo.

Parte del programma proposto da Monti, quando ha chiesto la fiducia in parlamento, rispondeva ad una delle domande poste dall’UE all’Italia su come affrontare la crisi, e riguardava la scuola

"Come verranno ristrutturate le scuole con risultati insoddisfacenti nelle prove INVALSI?" Chiedevano dall’Europa

La risposta ce l’ha data Monti stesso. Come ristruttureremo? Con "interventi mirati sulle scuole e sulle aree in ritardo, identificando i fabbisogni, anche mediante i test elaborati dall’Invalsi, e la revisione del sistema di selezione, allocazione e valorizzazione degli insegnanti."

Sull’arruolamento credo non ci siano dubbi, certo, ancora manca una definizione certa del nuovo sistema, ma è già stato abbozzato dal precedente Governo. Sulla valorizzazione siamo in piena sperimentazione. Ma sull’allocazione cala la nebbia.

Cosa si intende per allocazione? Prendiamo un vocabolario. Allocare è un termine molto utilizzato in economia (detto da Monti ci sta tutto) e si può spiegare con il processo con cui si distribuiscono le risorse (dicono i vocabolari: tra usi alternativi).

Se togliamo l’"uso alternativo", che difficilmente si può legare all’ambito scolastico se non in casi particolari, e acclimatiamo il termine alle nostre latitudini, allocare si può sostituire con "mobilità dei docenti in base alle esigenze sorte a seguito della valutazione di scuole e docenti". Sei un docente i cui studenti non raggiungono risultati soddisfacenti? Ti "alloco" altrove. Oppure, una scuola non consegue dei buoni risultati nelle prove INVALSI,? Ci "alloco" un docente bravo ed esperto.

Magari Monti aveva in mente anche una eventuale "allocazione" dei dirigenti, in base ai risultati raggiunti dalla scuola, considerate che è in via di definizione anche un sistema di valutazione dei dirigenti, oltre che delle scuole e dei docenti.

Queste, ovviamente, non sono che ipotesi. Di certo c’è che il termine "allocazione" ci accompagnerà in questi mesi e gradualemente ne comprenderemo il significato e la portata

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione