Torino approva proposta di formazione permanente per docenti su tema gender. FdI insorge

Stampa

La proposta grillina approvata dal consiglio comunale di Torino di creare per i docenti un’attività di formazione permanente sul tema gender ha sollevato polemiche.

A criticare questa scelta sono stati, secondo quanto riportato dal sito Vocecontrocorrente.it, due politici di Fratelli d’Italia: Augusta Montaruli e Maurizio Marrone; la prima siede nella Camera dei Deputati, mentre Marrone è consigliere regionale.

Montaruli ha gridato sia pure in maniera indiretta al “lavaggio del cervello”. Secondo quanto si legge, ha detto: “In piena pandemia, la città di Torino si preoccupa di mandare insegnanti di nidi e materne a scuola di gender anziché occuparsi di una città che sta in ginocchio. La legge Zan non è ancora approvata e già i grillini si portano avanti sacrificando i minori davanti all’altare dell’ideologia arcobaleno”.

Nel concludere il concetto, Montaruli ha chiosato: “Se tutto questo dovesse concretizzarsi, le famiglie torinesi devono essere libere anche nelle strutture pubbliche di scegliere i loro insegnanti e non sottoporre i loro figli e a lavaggi del cervello”. Ha poi spiegato che “Un conto è impedire la discriminazione, un conto è, come vorrebbe il sindaco Appendino, che non esistono mamma e papà ed educarli al genere fluido, compromettendo sia i minori che la libertà educativa dei loro genitori”.

Maurizio Marrone, consigliere regionale, avrebbe invece parlato di movente ideologico dell’iniziativa.

Stampa

L’Eco Digitale di Eurosofia, il 14 dicembre segui la Tavola rotonda:“Didattica a distanza e classe capovolta – Ambienti di apprendimento innovativi”