Togliere la lode dagli esami di Stato. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Mario Bocola – È necessario togliere la lode agli esami di stato e assegnare solo il massimo dei voti con le prove scritte e il colloquio, al fine di evitare disparità di trattamento tra i candidati. Spesso accade sia agli Esami del Primo Ciclo d’Istruzione

(il voto massimo è 10 con eventuale lode) che agli Esami di Maturità (il voto massimo è 100 con eventuale lode) che non tutti i membri della commissione d’esame sono d’accordo e, quindi, succede che un candidato brillantissimo non ottiene la lode e un candidato non brillantissimo la ottiene.

Per evitare che ci possano essere disparità che vanno a danneggiare questo o quel candidato, sarebbe opportuno approvare una modifica alla procedura dell’Esame di Stato che prevede l’eliminazione della Lode in sede di attribuzione del voto finale. In questo modo si garantisce una questione di equità e giustizia sociale che non lede i diritti degli studenti.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione