Toglie il crocifisso dall’aula: sospeso per un mese senza stipendio

di Giulia Boffa
ipsef

Sospeso per un mese dall'insegnamento e niente stipendio per tutto il periodo della sospensione.
La sanzione disciplinare è stata comminata ad un docente perché ha tolto i crocefissi dalle aule dell'Istituto per geometri di Terni senza autorizzazione.

Sospeso per un mese dall'insegnamento e niente stipendio per tutto il periodo della sospensione.
La sanzione disciplinare è stata comminata ad un docente perché ha tolto i crocefissi dalle aule dell'Istituto per geometri di Terni senza autorizzazione. La decisione è dell'Ufficio Scolastico dell'Umbria ed è stata resa nota dai Cobas in un comunicato  riferendo che il provvedimento scatterà dall'8 aprile al 7 maggio.

"Nel nostro paese – si legge nella nota dei Cobas – nel 2015 è ancora vietato rivendicare la separazione tra stato e chiesa e chiedere spazi educativi inclusivi senza simboli religiosi. Continua la crociata integralista, discriminatoria e diseducativa, di quelli che pretendono di imporre la connotazione religiosa delle aule scolastiche della scuola pubblica, nonostante non esista alcuna legge o regolamento che impongano la presenza del crocefisso nelle aule delle scuole superiori. Togliere un crocefisso, che non dovrebbe trovarsi nelle aule, costituisce per l'USR una violazione dei doveri connessi alla posizione lavorativa cui deve essere improntata l'azione e la condotta di un docente".

Il docente non è nuovo alle sanzioni: già nel 2009 era stato "sollevato dal servizio" per trenta giorni, per aver  tolto anche in quell'occasione i crocifissi,  "rivendicando la libertà di non fare lezione sotto un simbolo di una specifica confessione religiosa" . In seguito il professore era stato poi denunciato per "insubordinazione" al Consiglio nazionale della Pubblica Istruzione.  

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione