Toccafondi, non firmate il referendum per abrogare la riforma. Significa niente assunzioni, merito e qualità

WhatsApp
Telegram

"Con la firma del referendum abrogativo su buona scuola tutto resterebbe così come è, ai promotori sembra andare bene la situazione attuale senza assunzioni, valutazione, merito e qualità".

"Con la firma del referendum abrogativo su buona scuola tutto resterebbe così come è, ai promotori sembra andare bene la situazione attuale senza assunzioni, valutazione, merito e qualità".

Con un post su Facebook il sottosegretario al Miur Gabriele Toccafondi commenta l'iniziativa della raccolta firme per indire referendum abrogativo contro "La Buona Scuola", Legge n. 107/2015.

Senza cambiamenti, spiega Toccafondi, "sarebbe la scuola ideale fatta a misura di alcuni, pochi, insegnanti non certamente per i ragazzi. La motivazione della richiesta della firma la dice lunga: "firma per consentire alla scuola pubblica di rimanere luogo di servizi alla persona, di rispetto, tolleranza, inclusione, occasione di crescita umana, palestra di democrazia vissuta, di esercizio di libertà di pensiero, sviluppo della capacità creative e senso critico degli studenti".

"Un mix populista che non dice niente e soprattutto la riforma della scuola questi punti non li contraddice, anzi…. La scuola non può diventare terreno di scontro ideologico per altre battaglie politiche all'interno di un partito o della sinistra la scuola"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur