Toccafondi (Iv): “Occorre fissare criteri nazionali per aperture e chiusure delle scuole”

Stampa

“Da mesi alcune regioni, a dispetto delle norme stabilite a livello nazionale, chiudono con facilità disarmante”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera.

“L’ultimo, lampante esempio è rappresentato dal caso della Puglia. Nonostante la zona gialla, Emiliano, dopo essersi già distinto per l’invenzione della presenza ‘à la carte’, continua a decidere la chiusura delle scuole pugliesi a suo piacimento. Per di più l’ordinanza della regione Puglia indica un criterio: ‘ammettere in presenza gli alunni che, per ragioni non diversamente affrontabili, non abbiano la possibilità di partecipare alla didattica digitale integrata’. Cosa significa? Non hai strumenti quindi puoi andare a scuola? È questa l’integrazione scolastica della regione Puglia? A questo punto si rende inevitabile un intervento per indicare un’uniformità alle prescrizioni di sicurezza stabilite dal ministero della Salute”.

“Il governo intervenga dunque per fissare, rispetto all’apertura e alla chiusura delle scuole, criteri chiari, oggettivi, validi per tutte le regioni e, soprattutto, inderogabili”, conclude.

Stampa

1,60 punti per il personale ATA a soli 150€, con CFI!