Toccafondi (IV): “No a ritorno alla Dad per la crisi energetica”

WhatsApp
Telegram

“Si torna a scuola senza mascherina e forse anche senza luce o riscaldamento? È una battuta ma rispecchia la possibile situazione viste le emergenze che riguardano il Paese”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera.

La crisi energetica – spiega – le bollette esorbitanti, il piano nazionale di risparmio sono cose reali ed è giusto che anche la scuola, come sempre ha fatto, faccia la sua parte. Però, la scuola, come percorso educativo, non può essere che in presenza. Capisco che gli edifici scolastici, per le dimensioni, se chiusi farebbero risparmiare riscaldamento e luce, ma ripartire con la Dad farebbe male ai ragazzi. Non saranno un autunno e un inverno facile per il Paese. Tutti dovremmo fare la nostra parte ma chiedo di salvaguardare la scuola in presenza, aperta. Per una emergenza molto diversa come la pandemia, questo paese ha deciso le chiusure delle scuole, e non solo nel periodo, difficilissimo per tutti, del lockdown. Per tanti mesi l’unica cosa chiusa è stata la scuola e chi dice che la scuola è stata la prima a chiudere e l’ultima a riaprire, ha ragione“.

È stato un errore: la scuola si fa in presenza, è fatta di relazioni, rapporti, scoperte, dubbi e paure che si affrontano insieme a insegnanti e compagni. La scuola farà la sua parte, ma resti aperta ed in presenza“, conclude.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur