Toccafondi (Iv): “Da ritardi su concorso abilitante danni a paritarie”

Stampa

I ritardi nel bando per concorso ponte abilitante previsto nel 2019, due anni fa e ancora in alto mare, mette a rischio i percorsi educativi degli studenti e, nel caso delle paritarie, la loro stessa esistenza”. Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo d’Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera, a proposito della risposta del Ministero Istruzione a una sua interrogazione.

Nonostante due anni fa – ricorda – nel Decreto Scuola, sia stato stabilito di fare concorso abilitante, a oggi ancora nessuna data è prevista. Intanto, però, nei vari istituti sempre più insegnanti non hanno abilitazione. Nelle paritarie uno su due ne è privo, e la responsabilità è del ministero. Nel novembre 2018, l’allora ministro abolì il percorso Fit (formazione iniziale e tirocinio), senza preveder un percorso formativo alternativo. Nel 2019 nel Decreto Scuola, in attesa di un nuovo percorso formativo e abilitante, era stato previsto un ‘concorso ponte’ per consentire ai migliaia d’insegnanti che stanno lavorando di abilitarsi. Un concorso mai partito e che la risposta all’interrogazione di oggi del ministero conferma, non arriverà nei prossimi mesi“.

Ritorno a scuola, Sasso: “Senza vaccino studenti non andranno in DAD. Se c’è il distanziamento possono stare senza mascherina. Vaccinazione personale è atto di responsabilità” [VIDEO]

Siamo davanti a un paradosso incredibile, specie per le scuole paritarie. Uno degli elementi di legge per il riconoscimento della parità scolastico di legge sono gli insegnanti abilitati.
Ma dal 2018 questi non ci sono perché il ministero non prevede un percorso. Da allora decine di migliaia d’insegnanti dalle non statali sono stati assunti nelle statali. Oggi nelle paritarie il 50% degli insegnanti non ha l’abilitazione e le scuole difficilmente possono garantire senza abilitazione un contratto indeterminato“.

“Gli ispettori che annualmente verificano le scuole non statali devono verbalizzare l’assenza dell’abilitazione e questo può portare anche alla perdita della ‘parita”. Una situazione paradossale rispetto alla quale non si intravede una soluzione: il ministero non puo’ alzare le spalle come se il problema non lo riguardasse“, conclude.

Concorso straordinario per l’abilitazione, Sasso: “in tempi brevi. In ritardo a causa dell’emergenza sanitaria. Mio impegno tenere costante l’attenzione”

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione