Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Titolare assente per almeno 150 o 90 giorni. Chi ha diritto a valutare gli allievi

WhatsApp
Telegram

La continuità didattica è un diritto del docente supplente quanto degli allievi. Chi partecipa agli scrutini se il titolare si assenta per lunghi periodi?

Maria Rita scrive

sono una supplente profilo insegnante scuola primaria. Sto supplendo un’insegnante assente per maternità dal 19 settembre con un contratto che mi viene prorogato ogni tre mesi. L’insegnante titolare vorrebbe rientrare per gli scrutini di fine anno per non perdere determinati diritti. Chiedo:ho diritto a rimanere fino alla fine dell’anno scolastico? Vi ringrazio anticipatamente,saluti

Rientro dopo il 30 aprile

L’art 37 del CCNL Scuola dispone che

Al fine di garantire la continuità didattica, il personale docente che sia stato assente, con diritto alla conservazione del posto, per un periodo non inferiore a centocinquanta giorni continuativi nell’anno scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione dell’attività didattica, e rientri in servizio dopo il 30 aprile, è impiegato nella scuola sede di servizio in supplenze o nello svolgimento di interventi didattici ed educativi integrativi e di altri compiti connessi con il funzionamento della scuola medesima. Per le medesime ragioni di continuità didattica il supplente del titolare che rientra dopo il 30 aprile è mantenuto in servizio per gli scrutini e le valutazioni finali. Il predetto periodo di centocinquanta giorni è ridotto a novanta nel caso di docenti delle classi terminali.

Quali giorni rientrano

Ai fini dei 90/150 gg. si contano anche i giorni di sospensione delle lezioni, es. vacanze di Natale/Pasqua, anche se il titolare non ha prodotto certificazioni di assenza per il periodo.

Conclusioni

Nel caso che ci espone Maria Rita bisogna tenere ben presente la data del 30 aprile. Infatti, se la titolare dovesse rientrare in servizio effettivo nelle classi anche solo un giorno prima di tale data il supplente non ha più diritto a rimanere in servizio fino al termine delle lezioni più gli scrutini, ciò indipendentemente da quanti gg. di assenza ha il titolare.

Nel caso specifico se la titolare si assenta fino al 30/4 ci saranno abbondantemente sia i 150 che i 90 gg. di assenza, pertanto lei andrebbe a disposizione mentre la supplente rimarrebbe in servizio compresi anche gli scrutini.

In conclusione, pur non capendo quali diritti possa perdere la titolare non essendoci agli scrutini, il caso si risolve, in un modo o nell’altro, a seconda di quando (e se) avverrà il rientro in servizio della titolare.

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Concorso Dirigenti scolastici, preselettiva superata? Preparati per lo scritto