“Ti farò battere forte il cuore con il defibrillatore”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A Bergamo sabato 30 settembre Ufficio Scolastico e Areu in campo per la formazione rivolta a studenti maggiorenni e personale

Sabato 30 settembre, dalle 8.00 alle 13.30, in Bergamo città, presso gli Istituti ospitanti Natta (auditorium Sestini) e Quarenghi (aula magna) torna “Ti farò battere forte il cuore con il defibrillatore” giunto con grande riscontro di partecipazione alla seconda edizione. Una manifestazione molto importante rivolta alla formazione teorica e pratica di numerosi studentesse e studenti (maggiorenni) di vari istituti secondari di secondo grado, statali e paritari, della città. Insieme a loro verrà formato all’uso del defibrillatore un congruo numero di docenti e di personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) dipendente dall’Ufficio Scolastico Territoriale e nelle scuole cittadine.
Per promuovere l’educazione dei giovani cittadini al primo intervento e alla formazione all’utilizzo del dispositivo DAE, l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza Lombardia (AREU) e l’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, insieme a AAT 118 ed ai CEFRA Provinciali (ANPAS, CRI, FAPS e FVS), nonché ai dirigenti scolastici degli Istituti Natta e Quarenghi, organizzano la mattina del 30 settembre la seconda giornata di formazione gratuita BLSD (basic life support and defibrillation).
I partecipanti potranno acquisire le informazioni per riconoscere un arresto cardiocircolatorio e le manovre con il DAE che consentono di gestirlo in piena sicurezza.
Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo dichiara: “Sono molto soddisfatta per la collaborazione stretta nelle scuole per la formazione all’uso del defibrillatore che coinvolge studenti maggiorenni, docenti e anche il personale ATA – commenta – Gli studenti di oggi sono i cittadini di domani: sensibilizzarli e formarli è un dovere, sancito anche dalla normativa. Ricordiamoci che ogni anno molte vite vengono salvate grazie alla presenza e al corretto uso dei defibrillatori cardiaci e per questo già molti luoghi pubblici ne sono dotati, come le palestre degli istituti scolastici”.
Agli istituti è stato richiesto di formare un gruppo, tra studenti e personale, e di individuare il referente del progetto che avrà cura di appurare che si possiedano le conoscenze indispensabili (apparati circolatorio e respiratorio) per una proficua partecipazione alla giornata di corso.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief