Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

TFS dipendente deceduto: a quali eredi spetta e in che misura?

Stampa
Pace fiscale

I genitori rientrano nella divisione del TFS in caso di morte del lavoratore dipendente deceduto?

L’indennità di buonuscita, o TFS, è una somma di denaro che viene accantonata nel corso della vita lavorativa e poi corrisposta al momento della cessazione del rapporto di lavoro. Ma se il lavoratore viene a mancare in servizio, che fine fa il suo TFS?

Rispondiamo alla domanda di una lettrice che ci scrive:

Volevo chiedere se spetta il TFS alla madre al padre e al fratello unici eredi di una dipendente della scuola statale deceduta dopo 22 anni di servizio grazie.

TFS agli eredi

IL TFS del dipendente che viene a mancare prima della cessazione del servizio spetta agli eredi ma non rientra nei beni  nell’attivo ereditario e non fa parte di quella parte dell’eredità che si può accettare o rifiutare poichè è un diritto maturato e si devolve, in ogni caso, agli eredi.

Ma a chi spetta ereditare il TFS? A prevederlo l’articolo 2122 del codice civile che, testualmente, recita: “In caso di morte del prestatore di lavoro, le indennità indicate dagli articoli 2118 e 2120 devono corrispondersi al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del prestatore di lavoro ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado”.

Di fatto, quindi, indipendentemente dalla volontà del lavoratore, in presenza degli eredi sopra citati, il TFS va suddiviso in base all’asse ereditario. Ma se chi muore non ha figli o coniuge o altri parenti entro il terzo grado o affini entro il secondo grado potrà disporre del proprio TFS lasciando a chi desidera e designandolo nel proprio testamento.

In assenza di figli, coniuge e nel caso che i genitori e fratelli non siano a carico del lavoro al momento del decesso, il TFS viene suddiviso tra gli eredi legittimi. In mancanza del coniuge e di eventuali figli gli eredi legittimi sono i genitori (i fratelli ereditano nel caso che manchino anche i genitori).

La madre ed il padre del lavoratore, quindi, rientrano nella divisione dei beni (e del TFS) solo nel caso che al momento del decesso il lavoratore non risultasse coniugato e che non abbia figli. In presenza del coniuge, del coniuge e dei figli o solo dei figli, ai genitori non spetta nulla.


Prestito Anticipo TFS fino a €45000 con spread 0,40%
Clicca qui e scopri come chiederlo on line in pochi minuti
Metodo comodo e sicuro anche a distanza!


Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”