TFA sostegno VI ciclo: partecipanti chiedono anche lezioni on line, emergenza sanitaria ancora in atto

WhatsApp
Telegram

La richiesta di alcuni corsisti del nuovo ciclo TFA sostegno per la frequenza di lezioni e laboratori.

“si ricorda il Decreto-Legge 6 agosto 2021, n. 111, recante “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti”, convertito, con modificazioni dalla legge 24 settembre 2021, n. 133, il cui art. 1, co. 1, secondo periodo, che segnatamente dispone

“Nell’anno accademico 2021-2022, le attività didattiche e curriculari delle università sono svolte prioritariamente in presenza”,

e decreta l’obbligo di presenza in aula per la frequenza di laboratori e tirocini indiretti, compreso il TFA Sostegno.

Tra le ragioni a fronte di tale impossibilità, facciamo presente che

– in base all’art. 59 co. 4 D.L. n. 73/2021, assunzione dalla prima fascia G.P.S. per posti di sostegno, molti di noi sono già in anno-prova presso Istituti e, date le ormai storiche carenze di personale, sono spesso ubicati anche fuori Regione;

– per rispondere alle necessità pandemiche ancora in atto, molti di noi hanno stipulato “contratti Covid” da G.I. fino al 31/12/2021 e questi ultimi non consentono di usufruire di permessi di studio e/o ferie;

– nonostante alcuni corsisti abbiano richiesto in tempo utile il nulla-osta presso l’Università in previsione sia di eventuali future indicazioni ministeriali, sia di eventuali contratti con Istituti fuori Regione, date le circostanze, potrebbero ad oggi, di fatto, risultare impediti nel progettare autonomamente il proprio percorso di studio;

– prima di Gennaio 2022, nessuno di noi potrà valersi di permessi studio garantiti dallo Stato, e pertanto molte lavoratrici e lavoratori vedranno di fatto leso il proprio diritto allo studio, come stabilito dalla legge n. 300/1970 (come Lei saprà, ricordiamo infatti che le richieste per detti permessi vanno inoltrate entro e non oltre il 15/11/2021 e avranno validità solo dall’anno solare 2022);

– sebbene sia stato stabilito l’obbligo totale delle presenze per laboratori e tirocini, non è stata predisposta alcuna modalità di recupero, cosa che già oggi mette in enorme difficoltà noi tirocinanti;

– in ragione dell’eventuale e non prevedibile peggioramento della condizione pandemica di ogni Regione, la scelta tra rinuncia ad eventuali contratti o il congelamento del TFA-sostegno dovuta all’inderogabilità della norma, che prevederà la presenza fisica ai laboratori, risulterebbe vana, a differenza della modalità duale, che renderebbe invece praticabili entrambe le succitate condizioni contemporaneamente, adattandosi alle necessità di ciascuno;

– un eventuale caso di positività, in ragione del non trascurabile recente aumento dei contagi sul territorio nazionale, oltre a costituire motivo di pericolo sanitario, pregiudicherebbe, come diretta conseguenza dell’applicazione dei protocolli Covid-19, il proseguimento in presenza delle attività laboratoriali per più corsisti rendendo di fatto necessari i recuperi;

– parte degli iscritti fuori sede, i quali confidarono nella concreta possibilità di seguire tutte le attività in modalità on-line, si troverebbero costretti a rinunciare agli studi per le ulteriori spese allora non preventivabili (vitto, alloggio e spostamenti), troppo esose, in alcuni casi addirittura superiori a quelle del corso stesso;

Poniamo all’attenzione Vostra inoltre che

le modalità di accesso al corso on-line, che finora sono state dagli Atenei adottate, dimostrano l’effettiva possibilità di proseguire il tirocinio integralmente (lezioni e laboratori) in modalità duale, non lasciando quindi adito a dubbi circa la fattibilità tecnica delle nostre istanze.

Con il presente documento, per tutte le motivazioni sopra richiamate, uniamo gli sforzi di tutte le corsiste e i corsisti del TFA Sostegno V Ciclo Sovrannumerari e di tutte le Vincitrici e Vincitori del VI Ciclo TFA Sostegno che firmeranno, per rendere note alle Istituzioni (Atenei e MUR) le cause di incompatibilità del nostro prosieguo del corso con le disposizioni in atto e chiediamo alle stesse di frequentare le ore previste per i laboratori e per le attività di tirocinio indiretto con tutor universitario in modalità duale.

Con la presente, ci affidiamo quindi alle Istituzioni, in particolare al MUR, nella persona della Ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, con l’auspicio che possa fare da traino alle nostre richieste.

Esortiamo, inoltre, le corsiste e i corsisti firmatari, ad unirsi in comitati presso i rispettivi Atenei per dare voce alle proprie esigenze e avanzare richieste, rivolgendosi ai Magnifici Rettori e ai Coordinatori dei corsi di TFA Sostegno, così come è già accaduto presso altre Università.

Link modulo Google della richiesta nazionale: https://forms.gle/heDxHyPC9L5Rg9eq7″

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur