TFA sostegno, stessa selezione per docenti abilitati con servizio e laureati. Lettera

ipsef

item-thumbnail

inviata da  Jimmy  Schittone – Sono un’insegnante precario, ABILITATO. Vi scrivo per delle considerazioni sul bando relativo al 4 ciclo tfa sostegno.

Vi volevo chiedere, secondo voi, che senso far partecipare alla selezione del 4 ciclo……., tutti i “docenti” ABILITATI con servizio, non abilitati con servizio, e neo laureati con 24 cfu (in questi ultimi due casi 2 casi, anche se conseguiranno la specializzazione non verranno inseriti in seconda fascia in quanto non abilitati e quindi di fatto ufficialmente non insegnanti)

A noi ” diversamente giovani” hanno ” imposto” un percorso diverso per poter accedere alla selezione per la relativa specializzazione, che consisteva nell’ABILITAZIONE nella propria CLASSE DI CONCORSO……

E’ possibile che siamo alla merce dei vari ministri della pubblica istruzione………..ministri che non tengono conto, del percorso di formazione, delle esperienze lavorative ( anche sul sostegno) e dell’età anagrafica di noi ” diversamente giovani”.

Visto la carenza di insegnanti di sostegno, non sarebbe stato più logico, prevedere, , un percorso modello PAS ( perchè molti di noi ABILITATI ” diversamente giovani”, già da molti anni prestiamo servizio sul sostegno), mentre per i non abilitati con servizio, e i neo laureati con 24 cfu, ( anche qua si doveva prevedere delle differenze tra i soggetti coinvolti….) si poteva prevedere un bando con selezione…..

A mio modo di vedere, con questo bando, c’è una disparità di trattamento tra i soggetti coinvolti, nello specifico:

1) ABILITATI CON SERVIZIO ” diversamente giovani”

2) NON ABILITATI CON SERVIZIO.

3) NEO LAUREATI ” ragazzi (liberi da impegni familiari e sopratutto lavorativi) con mente fresca.

COME FA UN MINISTRO A NON TENER CONTO DI………..

Versione stampabile
anief banner
soloformazione