TFA sostegno: requisiti, prove, abbreviazione percorsi e ammessi in soprannumero. Le nostre Faq

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblichiamo una serie di Faq per rispondere ai quesiti più ricorrenti sul prossimo corso di specializzazione su sostegno nella scuola dell’infanzia, prima e secondaria di primo e secondo grado.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: faq requisiti

D. Quali titoli sono necessari per partecipare alla selezione per la specializzazione su sostegno nella scuola primaria e dell’infanzia?

R. E’ richiesto uno de seguenti titoli:

  • Laurea in Scienze della formazione primaria (in qualsiasi anno conseguita)
  • diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 oppure diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico oppure sperimentale a indirizzo linguistico conseguiti sempre entro l’a.s. 2001/02
  • analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

D. Quali titoli sono necessari per partecipare alla selezione per la specializzazione su sostegno nella scuola secondaria di primo e secondo grado?

R. Possono partecipare alla selezione per i corsi di sostegno nella scuola secondaria i soggetti in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  1. abilitazione specifica sulla classe di concorso
  2. laurea coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del
    concorso+ 24 CFU i
    n discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche
  3. laurea coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del
    concorso + 3 annualità di servizio
    , nel corso degli otto anni scolastici precedenti,anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione.

D. La laurea triennale (più i 24 CFU) può permettere l’accesso alle selezioni?

R. No, perché la laurea triennale non è titolo d’accesso all’insegnamento.

D. Gli ITP possono partecipare con il solo diploma? 

R. Sì.

D. Gli ITP possono partecipare solo per la scuola secondaria di secondo grado? 

R. Sì, perché con il titolo di studio posseduto possono accedere soltanto alla scuola secondaria di II grado.

D. Si deve essere iscritti in graduatoria per partecipare in qualità di ITP?

R. No, è richiesto il solo diploma, fermo restando che lo stesso sia valido per accedere ad una delle classi di concorso della tabella B allegata al DPR n. 19/2016.

D. Come si calcola l’annualità di servizio, ai fini del raggiungimento dei tre anni richiesti ai docenti laureati? 

R. Premettiamo che le tre annualità:

  • devono essere svolte negli ultimi otto anni precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione;
  • devono essere prestate presso le scuole del sistema educativo di istruzione e formazione;
  • sono valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge n. 124/1999;
  • possono non essere continuative;
  • possono essere svolte su posto comune o sostegno;

Quanto al calcolo, per verificare se si è in possesso delle tre annualità richieste, gli interessati devono accertarsi di aver svolto, per ciascuno dei tre anni scolastici considerati, 180 giorni di servizio anche non continuativo o un servizio ininterrotto dal 1° febbraio alle operazioni di scrutinio. Non è possibile sommare servizi appartenenti ad anni scolastici differenti, per cui i 180 giorni vanno riferiti ad un solo anno scolastico.

D. Chi partecipa con la laurea più 24 CFU deve conseguire eventuali crediti mancanti per accedere alla classe di concorso di insegnamento?

R. Sì, i crediti per accedere alle classi di concorso e i 24 CFU sono cose distinte. La laurea, infatti, deve essere in ogni caso coerente con le classi di concorso vigenti, ossia comprendere quelle discipline, raggruppate in settori scientifico-disciplinari e crediti formativi universitari, senza le quali non si può accedere alla classe di concorso. La verifica va effettuata controllando le tabelle  allegate al DPR 19/2016, come modificato dal DM 259/2017.

D. Con la laurea (più 24 CFU o 3 anni di servizio) si può partecipare indifferentemente per la scuola secondaria di primo e secondo grado?

R. No, dipende dalla classe di concorso cui la laurea dà accesso. Se la laurea dà accesso ad una classe di concorso della scuola secondaria di primo grado, si può partecipare per tale grado di istruzione; se la laurea dà accesso ad una classe di concorso della scuola secondaria di secondo grado, si può partecipare per tale grado di istruzione; se dà accesso ad una classe di concorso di primo grado e ad una di secondo si può partecipare per entrambi.

D. Un docente con 3 anni di servizio nella scuola secondaria di primo ma con titolo di studio che permette l’accesso ad una classe di concorso del secondo grado, può partecipare alle selezioni per quest’ultimo grado id istruzione?

R. A nostro avviso sì, in quanto il decreto 92/2019 non prevede che il servizio sia prestato nello specifico grado di istruzione per cui si partecipa alle selezioni, ma parla genericamente di servizio prestato su posto comune o di sostegno (allo stesso modo, una docente con servizio alla primaria/infanzia e titolo d’accesso per la secondaria, può partecipare per tale grado di istruzione).

D. Ho conseguito l’abilitazione all’estero ma non ho ancora avuto il riconoscimento dal Miur, posso partecipare comunque al corso?

R. Il decreto 92/2019 prevede la partecipazione con riserva dei candidati che, avendo conseguito il titolo abilitante all’estero, presentino la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla specifica procedura di selezione.

La risposta è sì, se presenta la domanda di riconoscimento entro la data di presentazione della domanda di partecipazione alla selezione.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: prova d’accesso (test preselettivo, scritto e orale)

D. Quando si svolgono i test preselettivi?

R. I test preselettivi si svolgono nelle medesime date a livello nazionale:

  • mattina 15 aprile scuola dell’infanzia
  • pomeriggio 15 aprile scuola primaria 
  • mattina 16 aprile scuola secondaria di I grado
  • pomeriggio 16 aprile scuola secondaria di II grado 

D. Dato che le prove preselettive sono previste nelle stesse date per tutte le Università a livello nazionale, i quesiti saranno uguali per tutte le Università?

R. No, sono diversi per ciascuno Ateneo.  Ad essere comune è invece il programma di studio, quindi le tematiche su cui verteranno i quesiti.

D. In cosa consiste la prova d’accesso? 

R. La prova d’accesso si articola in: test preselettivo; prova/e scritta/e; prova orale.

D. Per superare il test preselettivo c’è un punteggio minimo?

R. No, non è previsto un punteggio minimo. Sono ammessi alla prova scritta un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nella singola Università, nonché coloro i quali abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi.

D. Per superare la/le prova/e scritta/e c’è un punteggio minimo?

R. Sì, bisogna conseguire un punteggio non inferiore a 21/30. Nel caso di più prove, la valutazione è data dalla media aritmetica della valutazione nelle singole prove, ciascuna delle quali deve essere comunque superata con  una votazione non inferiore a 21/30.

D. Per superare la prova orale c’è un punteggio minimo?

R. La prova orale è superata con una votazione non inferiore a 21/30.

D. Come vengono valutati i quesiti del test preliminare?

R. Ciascuna risposta esatta è valutata 0,5 punti; la risposta non data o errata è valutata 0 punti.

D. Quanto dura il test preliminare?

R. Due ore.

D. Cosa si deve studiare per il test?

R. Per la risposta si legga qui

D. Posso partecipare per più gradi di istruzione?

R.  Sì, è possibile partecipare anche per differenti gradi di istruzione. La scelta dell’Università naturalmente dipende dalla concreta possibilità di essere presente nel luogo giusto all’ora indicata.

D. Posso partecipare a più Università per lo stesso grado di istruzione?

R. No, considerato che la prova si svolge nella medesima data per ciascun grado di istruzione.

D. Un docente che supera più di una selezione (ad es. per l’infanzia e la primaria o secondaria di primo grado e primaria …) cosa deve fare?

R. Deve scegliere a quale corso partecipare.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: percorsi abbreviati e ammissioni in soprannumero

D. Un docente già in possesso della specializzazione su sostegno, che partecipa alla selezione per specializzarsi in un altro grado di istruzione, ha delle agevolazioni?

R. Per i docenti già in possesso del titolo di specializzazione per altro grado di scuola sono previsti percorsi di specializzazione abbreviati, che saranno approvati dall’Ateneo di riferimento per ciascuno dei richiedenti. A tal fine verranno valutate le competenze già acquisite e verranno predisposti i relativi percorsi, fermo restando l’obbligo di acquisire i 9 crediti di  laboratorio e i 12 crediti di tirocinio espressamente previsti dal D.M. 30 settembre 2011, diversificati per grado di istruzione.

D. Un docente già specializzato per altro grado di istruzione, che partecipa alla selezione, deve svolgere comunque i test d’accesso?

R. Si, deve svolgere i test d’accesso,superati i quali potrà svolgere un percorso abbreviato (come detto sopra).

D. Sono previste ammissioni in soprannumero, ossia direttamente ai percorsi senza svolgere le prove d’accesso?

R. Sì, sono ammessi in soprannumero i soggetti che, in occasione dei precedenti cicli di specializzazione:

a. abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;
b. siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;
c. siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: ammessi in Ateneo diverso da quello delle prove d’accesso

D. Un docente collocato che supera le prove d’accesso in un Ateneo, ma non è collocato in posizione utile (cioè non rientra nel numero dei posti banditi) può essere ammesso presso un’altra Università?

R. Sì, può essere ammesso in un altro Ateneo, le cui graduatorie  risultino composte da un numero di candidati inferiore al numero di posti messi a bando. A tal fine, l’interessato deve fare apposita richiesta.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: titoli valutabili

D. Quali titoli vengono valutati nelle graduatorie di ammissione ai corsi?

R. Ogni università può scegliere quali titoli valutare e quale punteggio assegnare, nel limite dei 10 punti. Sicuramente tutte le Università danno rilievo al servizio di insegnamento, con distinzione tra servizio su posto di sostegno (con punteggio maggiore) e servizio su posto comune.

Altri titoli sicuramente valido in numerose università è il dottorato di ricerca e le pubblicazioni, una seconda laurea.

Master e corsi di perfezionamento non vengono invece valutati in tutte le Università.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: pagamento

D. Un docente di ruolo, che partecipa al corso di sostegno, può utilizzare le somma della Carta docente per pagare l’iscrizione?

R. Sì. La  norma, infatti, prevede che con la Carta è possibile pagare corsi di formazione organizzati da enti accreditati o qualificati per la scuola e le Università sono considerate “Soggetti di per sé qualificati per la formazione del personale della scuola” (Direttiva Miur 90/2003)

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

Corso specializzazione sostegno: accesso scuole secondarie II grado ITP

D. Il docente ITP, che partecipa e supera il corso di specializzazione su sostegno, potrà insegnare solo nelle scuole in cui è presente la propria classe di concorso?

R. No, una volta conseguito il titolo, può avere accesso a tutte le scuole, indipendentemente dal fatto che la sua classe di concorso esista nella scuola di riferimento.

Preparati con il corso organizzato da Orizzonte Scuola e Centro studi Leonardo. In regalo un buono sconto del 25% sul prezzo di copertina dei libri Edises

TFA sostegno 2019: requisiti, prove, esempi test accesso. Tutte le info

Versione stampabile
anief banner
soloformazione