Tfa sostegno, partecipanti prova preselettiva IV ciclo siano ammessi di diritto al V. Lettera

Stampa
ex

Inviata da Roberto Raparelli – all’Onorevole Ministro del MIUR Lorenzo Fioramonti e all’Onorevole Sottosegretario del MIUR Lucia Azzolina.

Sono il marito di una docente che ha partecipato al IV ciclo del TFA 2019/2020 per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità per la scuola secondaria di secondo grado.

Premetto che la selezione si è basata su tre prove e che la prima, attraverso un test preselettivo basato su criteri oggettivi con domande a risposta multipla, è stata altamente selettiva e mai utilizzata fino ad ora nei precedenti corsi. Alla successiva prova, infatti, sono stati ammessi soltanto un numero doppio di candidati rispetto ai posti disponibili, più tutti coloro che avevano un punteggio uguale al punteggio più basso tra quelli sufficienti all’ammissione. In tal modo è stato eliminato un numero cospicuo e consistente di candidati.

Tale prova è stata superata da tutti i candidati con ottimi voti, molto vicini al massimo cioè i 30/30. Anche mia moglie ha superato questa prova riportando un punteggio elevato. Esito diverso, invece, è stato totalizzato nella prova scritta successiva in cui molti di questi candidati non hanno ricevuto il punteggio minimo, 21/30, tra cui mia moglie che ha riportato un punteggio davvero molto basso, inferiore di molto a quello richiesto per essere ammessa alla prova orale.

Ora considerato che nella scuola italiana c’è un’emergenza di insegnanti per le attività di sostegno: le scuole sono alla ricerca di docenti di sostegno anche senza specializzazioni per coprire le cattedre.

Considerato che coloro che hanno superato la prova pre selettiva rappresentano una piccola percentuale (10-15% degli idonei) e che il fabbisogno di docenti specializzati è notevole.

Considerato, inoltre, che i partecipanti alla prova pre selettiva hanno dimostrato una grande motivazione ed un impegno non indifferente per la preparazione dello stesso, mi sembra giusto chiedere che gli stessi siano ammessi di diritto come soprannumerari al prossimo corso TFA, V ciclo, per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità, così da non depauperare le risorse e soddisfare la domanda.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur