TFA sostegno: iscrizione ai test selezione in più Università

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Diversamente da quanto prospettato con il decreto iniziale, in cui la calendarizzazione dei test per l’accesso al corso di specializzazione per le attività didattiche di sostegno a livello nazionale faceva presupporre che i docenti potessero iscriversi al test solo in una Università, le Università hanno indicato per ogni ordine di scuola una scansione diversa.

La ratio da cui si era partiti infatti era quella di una procedura più veloce (dati i ritardi con cui inizia il corso), evitando così sovrapposizioni.

Per questo il decreto parla di prove uniche a livello nazionale, nel senso che – diversamente dai cicli precedenti – possono essere svolte solo nei due giorni indicati dal Ministero. Ma poi il Ministero non ha imposto il test di infanzia il 25 maggio mattina, quello primaria il 26 e così via e così le Università stanno calendarizzando le prove in base alla loro autonomia organizzativa.

E certo non sfugge ai docenti che c’è lo spazio, soprattutto nelle Università della stessa regione, per provare più test e avere maggiori possibilità di poter superare la selezione.

Accade così ad esempio che presso l’Università di Catania il test per la scuola secondaria di II grado è calendarizzato il 25 maggio pomeriggio e presso l’Università di Messina la stessa prova è calendarizzata il 26 maggio.

Tra l’altro il decreto non impone alcun vincolo circa l’iscrizione ai test, per la quale è comunque necessario il pagamento di una tassa che va dai 100 ai 200 euro, a seconda della delibera d’Ateneo. In ragione di ciò invitiamo i docenti interessati a contattare le segreterie dell’Università per chiedere se accettano l’iscrizione al test anche se è già stata fatta presso un altro Ateneo. A nostro parere, mancando la regolamentazione che ci saremmo aspettati da parte del Ministero, sì, perchè nulla vieta alle Università di accettare l’iscrizione. A meno che appunto il Ministero non intervenga, ma a bandi pubblicati nella maggior parte delle Università e procedura avviata, si tratterebbe dell’ennesimo pasticcio.

TFA sostegno: bandi e info dalle Università. Aggiornato con Lazio, Umbria, Veneto, Val d’Aosta, Torino

Versione stampabile
Argomenti:
voglioinsegnare