TFA sostegno, Casa (M5S) chiede intervento sui prezzi esorbitanti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Interrogazione dell’On. Vittoria Casa (M5S) sui costi di accesso al perxorso di specializzazione sostegno che le Università stanno avviando in questi giorni per l’a.a. 2018/19. 

Coloro che accedono corso di specializzazione sostegno indetto con dm n. 92 dell’08 febbraio 2019 e dm 21 febbraio 2019 dovranno  corrispondere alle Università un contributo per sostenere le prove e, dopo la selezione, il costo dell’intero corso;

La determinazione dei costi – sottolinea l’On. Casa – è priva di un tetto massimo previsto a livello centrale ed i bandi già emessi in numerosi
Atenei risultano prevedere un costo abnorme di migliaia di euro, che oscilla talora tra i 2.500 e i 3.700 euro, in maniera inspiegabilmente disomogenea nei vari territori;

ritenuto conto che:

la Costituzione garantisce sì l’autonomia finanziaria e contabile degli Atenei, ma ciò non consente loro di pretermettere la normativa statale al diritto allo studio, visto l’obiettivo essenziale e importantissimo di questi corsi che realizzano anche il diritto allo studio degli studenti disabili e sono previsti in applicazione di specifiche norme di
legge dello Stato, quali la legge n. 104 del 1992 ed elevatissimi interessi collettivi,-

1) se il Ministro interrogato sia a conoscenza di quanto esposto e quali iniziative intenda intraprendere al fine di garantire la realizzazione del diritto de quo in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale provvedendo alla fissazione di un costo massimo alla contribuzione richiesta agli iscritti;

Niente posti per la secondaria  a Palermo

Nella stessa interrogazione l’On. Casa chiede altresì al Ministro  se intenda intervenire urgentemente, nei limiti dei poteri attribuiti, al fine di sollecitare l’attivazione dei canali formativi di cui in premessa, attualmente assenti nell’offerta formativa dell’Università palermitana anche per garantire l’eguaglianza dei cittadini nell’accesso all’istruzione universitaria.

Su questo argomento aveva già risposto la stessa Università

“I rettori degli atenei siciliani – si legge nella risposta data dall’Università di Palermo via email al Coordinamento Uniattiva – in sede di programmazione regionale hanno discusso e concordato l’attivazione dei suddetti corsi, tenendo conto di vari fattori formativi, organizzativi e strutturali. L’Università degli studi di Palermo, in continuità con l’ultimo ciclo attivato, ha manifestato la propria disponibilità per l’attivazione dei corsi di specializzazione per la scuola primaria e dell’infanzia. Per i futuri cicli, a fronte delle tante richieste pervenute, speriamo di poter prendere in considerazione la possibilità di attivare dei percorsi di formazione anche per la scuola secondaria di primo e secondo grado”.

Ecco i bandi. Elenco in ordine alfabetico

ABRUZZO

L’Aquila 150 euro test ingresso, 2.700 euro corso

CALABRIA

Università Mediterranea Reggio Calabria 

Università della Calabria 125 euro per il test, 2.800 il corso

CAMPANIA

Suor Orsola Benincasa 180 euro test, 3.800 costo corso

FRIULI V.G. 

Udine

LAZIO

Tuscia

Cassino

LUMSA

Università Europea di Roma

LIGURIA

Genova

LOMBARDIA

Università di Milano Bicocca

MARCHE

Macerata

Molise

Università del Molise test 150 euro, corso € 2.750

PIEMONTE

Torino test 100 euro, corso 3.000 euro

PUGLIA 

Università del Salento

Bari 100 euro il test, 2.800 il corso

Foggia test 100 euro, corso € 2.816

SICILIA

Enna

Palermo

Catania test 150 euro, corso 3.700 euro

Messina test 150 euro, corso 3.700

TOSCANA

Pisa test 100 euro corso 2.500

Firenze test 100 euro, 2.500 il corso

UMBRIA

Perugia test 40 euro, corso 3.000 euro

TRENTINO

Trento

Non c’è ancora la tua Università? Segui in tempo reale la pubblicazione dei bandi a questo link

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione