TFA sostegno, ANIEF: doveva essere aperto anche a personale educativo. Sentenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato ANIEF – Il Consiglio di Stato, infatti, con due ordinanze di identico tenore, ha accolto l’istanza cautelare proposta dai legali Anief specificando che i motivi di ricorso risultano fondati ed evidenziano “apprezzabili profili di danno, alla luce dell’imminente inizio, presso diverse Università, dell’inizio dei corsi di specializzazione per le attività di sostegno in esecuzione del Decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 948 del 01.12.2016”.

Disposta, dunque, “l’ammissione con riserva dei ricorrenti ai corsi per il conseguimento della specializzazione nelle attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità presso le Università indicate in epigrafe ovvero, in alternativa, a prove suppletive di accesso ai corsi medesimi”. Il Ministero dell’istruzione, ora, dovrà procedere all’organizzazione delle prove suppletive dando corretta esecuzione ai provvedimenti cautelari e consentendo la partecipazione con riserva di tutti i ricorrenti destinatari dei favorevoli pronunciamenti del Consiglio di Stato alle prove di accesso al corso di specializzazione per le attività didattiche di sostegno. L’Ufficio Legale dell’Anief sta predisponendo le specifiche istruzioni che saranno inviate ai ricorrenti che si sono affidati con fiducia ai legali del giovane sindacato per la tutela dei propri diritti in modo da ottenere al più presto la calendarizzazione, da parte delle università interessate, delle nuove prove di selezione per l’accesso al corso di sostegno per la scuola primaria che dovranno essere predisposte in esecuzione delle ordinanze.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione