TFA secondo ciclo: Ministero risponde su E Campus

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Il sottosegretario Angela D'Onghia ha risposto all'interrogazione della Sen. Puglisi sull'attivazione di corsi di tirocinio formativo attivo (TFA) da parte dell'università telematica E-Campus, vicenda che ha ritardato la prosecuzione delle selezioni per l'accesso al corso 2014/15.

Il sottosegretario Angela D'Onghia ha risposto all'interrogazione della Sen. Puglisi sull'attivazione di corsi di tirocinio formativo attivo (TFA) da parte dell'università telematica E-Campus, vicenda che ha ritardato la prosecuzione delle selezioni per l'accesso al corso 2014/15.

Il sottosegretario ha chiarito che, diversamente da quanto avvenuto per l’avvio del primo ciclo, il Ministero ha stabilito il numero di posti per ciascuna classe di abilitazione a livello regionale, invitando gli atenei di ciascuna regione a concordarne la ripartizione tra le diverse sedi e stabilendo la scadenza del 10 luglio 2014 per l’acquisizione, da parte delle università interessate, dell’offerta formativa potenziale sulle diverse classi di abilitazione.

L’attivazione dei percorsi di TFA è subordinata, peraltro, all’acquisizione del parere favorevole del Comitato regionale di coordinamento universitario (CORECO), d’intesa con il direttore dell’Ufficio scolastico regionale.

Le università telematiche, ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del citato decreto ministeriale n. 312 del 2014, nella loro qualità di università non statali, potevano presentare la propria offerta formativa nelle sole sedi accreditate dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR), dichiarando la disponibilità di strutture e laboratori per ogni sede didattica.

Con lettera del 15 settembre 2014, il Ministero ha richiamato l’attenzione della Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI) sul problema del disallineamento dell’offerta formativa in alcune Regioni e ha richiesto che venisse concordata tra gli Uffici scolastici regionali e i rispettivi Comitati regionali di coordinamento una modifica di tale offerta, in modo da allinearla perfettamente al numero di posti programmato, facendo esplicito riferimento alle università non statali.

Con successiva nota del 24 ottobre 2014 il Ministero ha ribadito la necessità di equilibrare l’offerta formativa rispetto ai contingenti, suddivisi per Regione e per classi di concorso. In caso di mancato rispetto del contingente regionale, come nella circostanza in esame, il Ministero ha chiesto ai Comitati di avviare, d’intesa con i direttori degli Uffici scolastici regionali, un’interlocuzione con tutti i soggetti coinvolti, tesa a ricondurre l’offerta formativa all’esatto contingente dei posti disponibili, ponendo come termine inderogabile entro cui concludere tale operazione il 29 ottobre 2014.

A seguito di ciò – prosegue il Sottosegretario – il CORECO per la Lombardia ha audito i rappresentanti dell’università E-Campus. Alla luce di quanto emerso dall’audizione e preso atto della documentazione fatta pervenire dalla stessa università, di intesa con il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, il Comitato ha dichiarato di non poter esprimere una valutazione positiva in ordine alle proposte della suddetta università di istituzione e attivazione per l’anno accademico 2014-2015 dei corsi di TFA.

Dopo aver ribadito che, ai sensi della normativa vigente, l’attivazione dei percorsi è subordinata all’acquisizione del preventivo parere e della positiva valutazione del Comitato regionale di coordinamento, in accordo con il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, puntualizza infine che non è stata autorizzata per il corrente anno accademico l’attivazione dei percorsi TFA presso l’università E-Campus.

La senatrice PUGLISI (PD) afferma che la quota di posti per i TFA attribuiti all'università telematica in questione è apparsa a suo giudizio alquanto strana, tenuto conto che sarebbero stati attivati corsi che prevedono solo una parte marginale di e-learning. Assicura quindi che presterà molta attenzione all'attività delle università telematiche e si dichiara molto soddisfatta della risposta.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur