TFA ordinario: inserimento nelle graduatorie ad esaurimento possibile solo per via parlamentare. News su differenza di punteggio con TFA speciale e avvio II ciclo

di Lalla
ipsef

red – Ieri un gruppo di abilitati con TFA ordinario ha manifestato al Miur e una delegazione è stato ricevuta dal Ministro Carrozza e dal Capo Dipartimento Chiappetta. Tre le richieste: inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento, differenzione giuridica tra gli abilitati del TFA e quelli che conseguiranno il titolo tramite i Percosi abilitanti speciali di prossima attivazione, realizzazione di un secondo ciclo di TFA ordinario.

red – Ieri un gruppo di abilitati con TFA ordinario ha manifestato al Miur e una delegazione è stato ricevuta dal Ministro Carrozza e dal Capo Dipartimento Chiappetta. Tre le richieste: inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento, differenzione giuridica tra gli abilitati del TFA e quelli che conseguiranno il titolo tramite i Percosi abilitanti speciali di prossima attivazione, realizzazione di un secondo ciclo di TFA ordinario.

Inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento – La legge 296/2006 non permette nuovi inserimenti nelle Graduatorie ad esaurimento, pertanto una richiesta del genere attiene alla giurisdizione parlamentare, non ministeriale. "Il Ministro – si legge nel comunicato del gruppo – ha dimostrato sensibilità nei confronti delle nostre ragioni, sottolineando la necessità di rimettere ordine nel reclutamento del personale scolastico"

Sull’argomento è intervenuto nella serata di ieri il sindacato Anief, che sostiene la richiesta di inserimento nelle graduatorie provinciali da parte degli oltre 21mila precari della scuola neo abilitati attraverso il TFA ordinario. Secondo il sindacato il Ministro ha risposto in modo vago e senza assumersi alcun impegno, pertanto sarà necessario rivolgersi direttamente al Parlamento.

"Visto che dal ministro Carrozza non è arrivata alcuna risposta positiva sulla spendibilità del titolo – afferma il presidente Pacifico -, il nostro sindacato chiede oggi al Parlamento di ristabilire le norme sui giusti binari. Altrimenti, in caso contrario, l’Anief ha già predisposto un ricorso formale per l’accesso nelle Gae, proprio come fece in passato, con successo, con i docenti sissini. In questo caso, ancora una volta assisteremo alla parodia, tutta italiana, del riconoscimento di un diritto ottenuto per via giudiziaria e non legislativa".

Differenza di punteggio tra abilitazione conseguita con TFA ordinario e abilitazione TFA speciale (PAS) – Nel comunicato del gruppo che ha partecipato all’incontro leggiamo "Se da un lato (il Ministro, ndr) ha ribadito l’importanza di riconoscere il servizio prestato da tanti insegnanti di terza fascia delle Graduatorie d’istituto, dall’altro ha dichiarato che farà sì che fra i due percorsi di formazione ci sia una distinzione in osservanza del principio del merito e che non si assista al paradosso per cui chi ha una maggiore anzianità di servizio possa scavalcare in graduatoria chi ha conseguito il titolo tramite il TFA"

Si confermerebbe in tal modo la volontà dell’ex Ministro Profumo di calmierare i due differenti percorsi formativi attraverso una distinzione di punteggio nelle graduatorie di istituto, ma sul punto sarà bene attendere anche il confronto con le Organizzazioni Sindacali che, ci sembra di capire, non concorderebbero su tale scelta, se dovesse essere portata avanti.

Avvio II ciclo TFA ordinario – La richiesta della delegazione ricevuta ieri dal Ministro " È stato inoltre chiesto al Ministro di confermare il percorso meritocratico attraverso la realizzazione di un secondo ciclo di TFA ordinario, unica vera procedura moderna di formazione docente che non va interrotta, ma che anzi andrebbe promossa come unico canale di abilitazione con un incremento dei posti in palio, tenendo in conto la posizione degli idonei non rientrati nel primo appena concluso."

La risposta "Il ministro ha poi assicurato che verrà bandito un secondo ciclo di TFA ordinario, nel quale si terrà conto della questione degli idonei"

Peccato non aver individuato dei tempi che potessero fornire una risposta concreta a quanti sono in attesa del percorso abilitante. A favore dell’avvio si sono già levate diverse voci, tra cui quella dell’ex Ministro Gelmini Il monito della Gelmini alla Carozza su TFA e concorso: guai a sospendere le procedure in vigore mentre se ne predispongono altre! , dei Consigli di Corso di Tirocinio dell’Università di Roma Tor Vergata Appello per l’avvio del II TFA ordinario, dell’Anfis 

II fascia delle Graduatorie di istituto Leggiamo nel comunicato "Di fronte alla richiesta di immediata spendibilità del titolo di abilitazione, il dott. Chiappetta non ha infine escluso che si possano trovare le condizioni regolamentari per prevedere una riapertura ad hoc delle Graduatorie d’istituto per l’inserimento in II fascia"

Rimaniamo un po’ perplessi dalle parole del Ministero. Se veramente ci fosse la volontà di trovare le condizioni per inserire i neo abilitati nelle GI di II fascia già dall’a.s. 2013/14 era necessario attendere che venissero a chiederlo personalmente? E quali sarebbero i tempi e le ricadute di questa scelta? E’ di poche settimane fa la frase di rito del Ministro di turno "Avvio regolare dell’a.s. 2013/14 con supplenti appena iniziano le lezioni" Non ci crediamo, ma abbiamo almeno fatto finta di darle credito. Al solito, i particolari più importanti sono rimasti nelle stanze del Ministero.

In linea generale il coordinamento degli abilitati TFA esprime quindi che intende proseguire la sua attività volta a promuovere il riconoscimento dei propri diritti attraverso la richiesta ufficiale di audizione presso la VII Commissione Cultura e Istruzione della Camera per presentare una mozione che possa sancirli una volta per tutte

Versione stampabile
anief anief
soloformazione