TFA ordinario abilitazione insegnanti: la FLC CGIL parla di dicembre 2014

di Lalla
ipsef

red – Ieri il tweet del Ministro Carrozza sull’avvio del TFA ordinario non ha mancato di destare malumori. La crisi di Governo ha fatto il resto. Dalla FLC CGIL arriva poi un altro segnale non confortante: la data di dicembre 2014, che se fosse quella di avvio dei corsi potrebbe anche starci, non certo invece per quel bando promesso da Miur per febbraio. Max Bruschi, ispettore Miur, consigliere ministro dell’ex Gelmini, mette a diposizione le proprie competenze per superare le criticità.

red – Ieri il tweet del Ministro Carrozza sull’avvio del TFA ordinario non ha mancato di destare malumori. La crisi di Governo ha fatto il resto. Dalla FLC CGIL arriva poi un altro segnale non confortante: la data di dicembre 2014, che se fosse quella di avvio dei corsi potrebbe anche starci, non certo invece per quel bando promesso da Miur per febbraio. Max Bruschi, ispettore Miur, consigliere ministro dell’ex Gelmini, mette a diposizione le proprie competenze per superare le criticità.

Ieri 13 febbraio il sindacato FLC CGIl in manifestazione davanti al Miur per portare avanti le problematiche dei precari. Inevitabile interloquire con il Miur su TFA e PAS, i percorsi di formazione iniziale per l’acquisizione dell’abilitazione all’insegnamento.

Seguici anche su FaceBook news in tempo reale

Nell’a.a. 2013/14 sono stati avviati solo i PAS, Percorsi Abilitanti Speciali destinati a docenti con determinati requisiti di servizio (vedi dm n. 58 del 25 luglior 2013) e che risentono di innumerevoli difficoltà nell’organizzazione, soprattutto per infanzia e primaria.

Ma la notizia più "clamorosa" , che leggiamo nel report della FLC CGIL, riguarda i TFA. "Per quanto riguarda i PAS e i TFA l’Amministrazione ha comunicato che il secondo ciclo di TFA partirà successivamente al completamento dell’attivazione di tutti i corsi PAS, presumibilmente intorno al mese di dicembre 2014. "

Come dire, due cose contemporaneamente (PAS + TFA, e per alcune Università anche i corsi di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità) non possono essere gestite.

Cosa aveva detto ieri il Ministro. "a chi vuole sapere del # tfaordinario stiamo aspettando da dicembre il via libera sul regolamento dal MEF, dalla funzione pubblica e dal CDS.

" Il nuovo decreto – prosegue il Ministro – riguarderà sia il nuovo ciclo che la valorizzazione di chi lo ha già frequentato ."

Ancora da acquisire questi importanti pareri? Come potrebbe in tal caso il Ministro onorare all’impegno assunto con il comunicato del 18 gennaio 2014, in cui veniva scritto " Il Miur sta anche predisponendo il bando per la partenza del secondo ciclo dei Tirocini formativi attivi che sarà emanato entro febbraio. "?

Il tweet ha destato molta attenzione, tra tutti quell del dott. Bruschi, ispettore Miur e consigliere della Gelmini durante il suo dicastero. In un intevento apparso sul suo blog Gentile Ministro Carrozza, La prego: poi dica di no, ma almeno ascolti. il funzionario non nasconde la sua delusione per il ritardo ancora accumulato dal percorso ordinario per assicurare agli aspiranti docenti italiani l’abilitazione e fornisce una tabella di marcia per assicurare la partenza dei corsi (quindi con selezioni già ultimate) per l’a.a. 2014/15:

"La tempistica e i provvedimenti necessari, anche in versioni diverse, sono pronti (alcuni, da un anno). Basta riesumare il parere del MEF sui numeri, rimboccarsi le maniche e potremmo avere le prove di ammissione a giugno/luglio, l’inizio dei corsi a settembre, in perfetta coincidenza con l’anno accademico e scolastico. I decreti in bozza sono qui, nella mia “chiavetta”. Glieli posso portare di persona, a Roma, oggi stesso, rifacendo il percorso che, da sei anni, faccio ogni lunedì e martedì che Dio manda in Terra per servire, dalle retrovie, il MIUR, dopo essere stato sul ponte di comando. Posso modificarli sotto sua dettatura, stravolgerli (purché reggano normativamente: altrimenti, direi di no, come ho sempre fatto e come ritengo sia dovere di ogni tecnico fare). Insomma, tutto quello che vuole."

Ieri sera poi la crisi di Governo e l’apertura di nuovi scenari politici. Questo però potrebbe non impedire al Ministro Carrozza di portare avanti alcuni provvedimenti già avviati. Forse questo del TFA ordinario sarebbe da porre come prioritario nell’agenda.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione