TFA III ciclo. Giannini: si farà per classi di concorso con bisogno di posti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

C’è ancora la volontà di attivare il III ciclo TFA? Il giornalista di Repubblica.it ricorda al Ministero che l’impegno assunto di attivarlo per gennaio 2016 è rimasto disatteso.

Il Ministro stesso imputa i ritardi alle due grandi operazioni di cui si è occupata l’Amministrazione negli ultimi mesi: la mobilità e il concorso.

Inoltre nelle commissioni Cultura c’è stato un confronto sull’opportunità di attivare un ciclo d TFA, laddove il governo si è impegnato a riformare il meccanismo di accesso all’insegnamento.

Riforma – ricorda il Ministro – che prevederà laurea con crediti che abilitano all’insegnamento, concorso e subito dopo un tirocinio pagato in base allo status.

Ma il Ministro è consapevole che l’avvio a pieno regime richiedere degli anni, per cui l’unica alternativa è di far partire un TFA.

Inutile infatti mettere il concorso come procedura di garanzia di preparazione se poi non si dà la carta per accedere.

Nelle prossime settimane dunque l’Amministrazione sarà al lavoro per avviare il nuovo ciclo di TFA per le classi di concorso in cui si rileverà il fabbisogno.

Bando TFA III (terzo) ciclo, perché ritarda? Manca ancora numero dei posti e coordinamento con nuova formazione

Versione stampabile