TFA III ciclo e fase transitoria per abilitati: il 16 novembre la verità su tempi e modalità

di redazione
ipsef

Il 16 novembre i rappresentanti del Miur incontreranno nuovamente i sindacati per fare il punto sulle deleghe previste dalla legge 107/2015.

Una delle più attese quella sul reclutamento e formazione iniziale dei docenti delle scuole secondarie.

Le anticipazioni parlano di un sistema più snello, che consentirà ai futuri docenti di indirizzarsi per tempo verso questa scelta professionale.

Si diventerà insegnanti di ruolo a 27 anni, ma prima TFA e stabilizzazione abilitati II fascia graduatorie di istituto

Ma, appunto, vi sarà da gestire una fase transitoria per coloro che sono già in possesso di abilitazione (e che non hanno vinto il concorso o non vi hanno partecipato) e coloro che già in possesso del titolo di studio sono in attesa del III ciclo TFA.

Nei giorni scorsi abbiamo riferito le parole di Marco Campione su un TFA “non prima di gennaio”, perchè appunto si attendeva per il 15 – 16 gennaio l’approvazione delle deleghe. Nell’ambito della Legge di Bilancio è stato però approvato un emendamento che potrebbe far slittare di 6 mesi l’approvazione delle deleghe. Di conseguenza, anche per il TFA potrebbe profilarsi un ulteriore rinvio.

Nel frattempo, è sempre più urgente la necessità di capire con quali modalità – e soprattutto con quali tempi – sarà possibile avviare la stabilizzazione dei docenti abilitati.

Il 16 novembre dunque, nell’ambito di tale incontro, dovranno necessariamente emergere tali problematiche. Sapremo finalmente quali saranno le risposte ufficiali del Miur.

Versione stampabile
soloformazione